menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
065715_spremuta_arance_siciliane

065715_spremuta_arance_siciliane

Spremute di arance siciliane nei bar ad un euro: parte iniziativa per valorizzare l'agrume

(Palermo) La Sicilia è leader tra le regioni italiane nella produzione di arance. Ma i consumi di spremute nei locali pubblici sono molto esigui. Una delle cause è imputabile al costo delle singole spremute che varia tra i 2 ed i 3,50 euro...

(Palermo) La Sicilia è leader tra le regioni italiane nella produzione di arance. Ma i consumi di spremute nei locali pubblici sono molto esigui. Una delle cause è imputabile al costo delle singole spremute che varia tra i 2 ed i 3,50 euro. L'iniziativa, ideata dal sito cronachedigusto.it, coinvolge oltre duecento bar dell'Isola che venderanno spremute di arance siciliane certificate al prezzo di un euro. È stato creato un sito apposito, raggiungibile al sito www.bevisalute.it. Il giornale on line, ripetendo un'iniziativa già lanciata lo scorso anno in via sperimentale, ha creato un circuito virtuoso di locali pubblici siciliani che proporranno fino al prossimo 31 maggio 2015 spremute di arance siciliane a un euro.

C'è un fine sociale perché i locali pubblici che aderiscono all'iniziativa "Bevi Salute: spremute di arance siciliane a un euro" aiutano il proprio cliente in un momento di crisi e tagli alle spese familiari; l'altro obiettivo è economico perché l'iniziativa tende ad accorciare la filiera ed a favorire l'incontro tra produttori agrumicoli e titolari di bar e caffetterie; ed ancora c'è anche un fine culturale perché la promozione delle arance aiuta a dare maggiore identità ad un frutto che caratterizza la Sicilia; infine c'è anche un obiettivo salutistico poiché il maggior consumo aiuta il benessere del nostro organismo.
Per aderire ogni titolare di bar o caffetterie ha firmato una dichiarazione al giornale Cronache di Gusto in cui si impegna ad utilizzare per l'iniziativa solo arance certificate e prodotte nell'Isola. I titolari dei bar e dei locali, acquisteranno le arance da vari produttori che saranno comunicati loro dal consorzio arance di Ribera Dop. Tutte le arance che verranno servite ai clienti, dunque, saranno certificate e "sicilianissime".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento