menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cava a Durazzano, Maietta (Bene Comune): 'Rischio concreto'

Durazzano - "Il rischio dell'apertura della cava Moccia a Durazzano aumenta, nonostante l'attivismo dei sindaci e le promesse del presidente della Regione Campania Stefano Caldoro. Il 29 Maggio scorso è iniziato il procedimento per...

"Il rischio dell'apertura della cava Moccia a Durazzano aumenta, nonostante l'attivismo dei sindaci e le promesse del presidente della Regione Campania Stefano Caldoro. Il 29 Maggio scorso è iniziato il procedimento per l'autorizzazione estrattiva, infatti a quella data la ditta Moccia ha inoltrato istanza al Genio civile di Benevento che dovrà rispondere entro il 28 di questo mese. Un rischio concreto per le popolazioni di Durazzano e comuni limitrofi, ignari delle attività degli enti amministrativi tra i quali anche il Comune di Durazzano che se da un lato si è pubblicamente dichiarato contrario all'apertura della cava, non ha esitato ad affiggere solertemente all'albo pretorio comunale l'avviso pubblico della Regione che invitava gli interessati a manifestare interesse alla coltivazione del comparto. Una palese scissione tra volontà politica espressa pubblicamente più volte dal Sindaco Crisci e l' azione amministrativa dello stesso comune sia precedente che successiva alla delimitazione del comparto estrattivo. E se il sindaco si contraddice nei fatti non è da meno il governatore della Campania che dovrà spiegare ai cittadini, per quale motivo i suoi dirigenti non seguono l'indirizzo politico espresso dalla volontà dei sindaci che si oppongono alla cava. Il genio civile di Benevento e la giunta Regionale per accontentare Moccia e le cui esigenze estrattive hanno prodotto atti illegittimi basati su falsi presupposti. Pertanto i Comitati e le Associazioni con il supporto dei loro legali, stanno redigendo un esposto che inoltreranno alle Procure della Repubblica di Benevento e Santa Maria Capua Vetere. I motivi per l'improcedibilità dell'istanza di Moccia ci sono, come pure ci sono motivi tecnici ostativi e vizi procedurali per gli atti prodotti dalla Regione finora che potrebbero indurre all'annullamento delle delibere di giunta regionale che hanno favorito la società Moccia. Caldoro chiami i suoi tecnici, dirigenti e assessori e provvedano, di fatto ad annullare tutti gli atti, nella consapevolezza che i comitati, le associazioni e i cittadini non intervengono per slogan politici - elettorali ma con azioni forti che evidenzieranno tutti i vizi e le forzature che stanno decretando un ulteriore sfregio del territorio."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

Il Comune installa gli autovelox. “Troppi incidenti”

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento