Ambiente

'Caserta vuole vivere': in 10mila sfilano per la citta' contro gli sversamenti abusivi di rifiuti, i roghi tossici e il biocidio

Caserta - In migliaia, 8mila per le forze dell'ordine, 10mila per gli organizzatori, hanno preso parte, a Caserta ieri mattina, al corteo organizzato da associazioni e parrocchie contro gli sversamenti abusivi di rifiuti, i roghi tossici e il...

061224_caserta_vuole_vivere_2

In migliaia, 8mila per le forze dell'ordine, 10mila per gli organizzatori, hanno preso parte, a Caserta ieri mattina, al corteo organizzato da associazioni e parrocchie contro gli sversamenti abusivi di rifiuti, i roghi tossici e il biocidio. In testa al corteo, al quale partecipano centinaia di giovani delle scuole del Casertano, c'erano il vescovo reggente di Aversa (Caserta), Angelo Spinillo, il vescovo emerito Mons. Raffaele Nogaro ed il parroco di Caivano don Maurizio Patriciello. E' presente anche il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio, al quale qualcuno ha rivolto parole di contestazione.
hanno attraversato le principali strade di Caserta, per poi arrivare in tarda mattinata davanti alla Prefettura. "Emigrare all'estero per lavoro è inaccettabile, emigrare per non morire è intollerabile", ha detto don Giannotti.

"I poteri perversi hanno distrutto le nostre terre, ma non possiamo fermarci alla condanna dei soli corrotti, c'è anche la nostra corresponsabilita'", ammonisce il parroco casertano. Una marcia silenziosa, così come richiesto dalla Diocesi, "Perché a volte il silenzio fa più rumore delle grida" con una grande croce spoglia, simbolo della misura del male e delle vittime.
"La battaglia per l'ambiente e per la salute deve essere un impegno di tutti. La manifestazione di oggi ha testimoniato la conferma di questa urgenza, sentita dalla Chiesa e da migliaia di cittadini. La nostra Amministrazione prosegue con rinnovata condivisione il suo percorso, costituito da tante azioni e attività, spesso non conosciute dai cittadini. Ho consegnato a don Antonello Giannotti, quale rappresentante del comitato organizzatore, una nostra nota e le copie dei più recenti atti che dicono quanto abbiamo svolto e vogliamo continuare a svolgere. Già oggi, nel renderli pubblici, li invierò anche a tutti i parlamentari nazionali del nostro territorio. Ribadisco, infatti, quanto ripetutamente e ovunque espresso: serve un'iniziativa nazionale, servono molte risorse economiche per fare le bonifiche e per consentire che la serenità, e non l'allarmismo strumentale, guidino riflessioni, opinioni e la stessa mano della politica locale. Noi, qui a Caserta, continueremo a impegnarci per una politica di impianti locali. Se essa fosse stata perseguita per tempo, questi territori non avrebbero vissuto le passate stagioni emergenziali e quella attuale ove, al pericolo di una provincia inquinata dai veleni, si aggiungono per tutti i costi di uno smaltimento dei rifiuti non corrispondente alle esigenze, alle aspettative e all'impegno dei cittadini dei singoli territori". Lo dichiara il sindaco Pio Del Gaudio, al termine dell'incontro svoltosi in Comune con una delegazione del comitato organizzatore della manifestazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Caserta vuole vivere': in 10mila sfilano per la citta' contro gli sversamenti abusivi di rifiuti, i roghi tossici e il biocidio

CasertaNews è in caricamento