Lo spettacolo delle nozze di Giovannella Stendardo I VIDEO

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Si sono conclusi domenica sera i 4 giorni di festeggiamenti in Terra Murata dedicati al matrimonio di Giovannella Stendardo. Una rievocazione storica che ha destato interesse e partecipazione da parte tutti i cittadini della Valle di Suessola e non solo, poiché grazie al Tg itinerante trasmesso sabato pomeriggio su Rai 3, moltissime sono state le persone incuriosite giunte ad Arienzo per prendere parte ai ‘festeggiamenti’.

Un tuffo nel passato, dunque, come se una macchina del tempo avesse catapultato tutti a seicentodue anni fa: giochi, musiche e danze popolari per il matrimonio medievale di una delle donne più affascinanti del Quattrocento meridionale, Giovannella Stendardo, contessa di Arienzo, Cancello e Arpaia, andata in sposa al giureconsulto del Regno di Napoli Marino Boffa nel 1417. I festeggiamenti, come avvenivano all’epoca, si sono aperti ieri mattina alle ore 10 con l’annuncio del banditore: una delegazione in costume ha annunciato il matrimonio per tutte le strade di Arienzo. Alle ore 19 il corteo con abiti d’epoca è partito dalla frazione arienzana di Capodiconca per giungere poi in Piazza Lettieri dove è avvenuta prima la celebrazione delle nozze e, in seguito, i festeggiamenti con il banchetto medievale.

Tra gli invitati alle nozze, non sono mancati i sindaci delle varie amministrazioni della Valle di Suessola, accolti dal primo cittadino Davide Guida che ha tra l’altro, oltre a ringraziare i numerosissimi spettatori, augurato un grande in bocca al lupo ai neosindaci dei rispettivi comuni di San Felice a Cancello e Cervino: "La rievocazione storica del matrimonio di Giovannella Stendardo ha messo Arienzo al centro della Campania per l’elevato spessore culturale, per questo motivo assume un valore importante non solo oggi ma per il futuro di tutti noi. Non mi resta che darvi appuntamento all’anno prossimo per la terza edizione". Così ha concluso il sindaco di Arienzo e a seguire si sono aggiunti i ringraziamenti del direttore artistico Enzo Gagliardi - professore di scenografia all’Accademia di Belle Arti di Napoli – a tutti coloro che hanno collaborato per la riuscita dell’evento, a partire dall’associazione Fatti per Volare, la Protezione civile, il parroco, il responsabile unico del procedimento Carmela D’Addio, l’amministrazione tutta e i volontari. Il progetto della rievocazione storica è rientrato nei finanziamenti della Regione Campania degli eventi per la promozione turistica e la valorizzazione dei territori. Una vera soddisfazione per il comune di Arienzo che non perde mai occasione per far parlare di sé in fatto di storia e cultura.

Potrebbe Interessarti

  • Cannabis light, s'incatena davanti al negozio chiuso: "Non mi sento più italiano" I VIDEO

  • Sparatoria a Caserta, il ferito portato in ospedale I VIDEO

  • L'arrivo della polizia, la sparatoria ed i soccorsi I GUARDA IL VIDEO

  • I selfie, l'emozione della sposa e la festa: il video del matrimonio di Clarissa e Federico I VIDEO

Torna su
CasertaNews è in caricamento