Presentato il nuovo Pinto: "Sarà lo stadio più bello d'Italia"

Conclusa la prassi amministrativa, tra sei mesi inizieranno i lavori

Conferenza Stampa in Comune

Dopo la presa d’atto del Consiglio Comunale del pubblico interesse, si passa alla seconda fase del progetto dell’abbattimento e della ristrutturazione dello Stadio Pinto. Il punto della situazione è stato fatto in una conferenza stampa congiunta tra amministrazione, Casertana ed imprenditore nella sala consiliare del Comune di Caserta.

"Abbiamo scelto di farla qui – ha affermato il sindaco Carlo Marino – per esternare in maniera chiara che il nuovo impianto servirà sì per le esigenze della maggiore compagine calcistica della provincia ma anche per far coinvolgere le attività di tutta la città e non solo per le attività sportive. Voglio ringraziare tutti i consiglieri comunali che quasi all’unanimità hanno dato il loro voto favorevole alla proposta, ben coscienti che un progetto così importante non potrà non essere un volano determinante per tutta la comunità a livello sportivo, sociale ed economico". In aggiunta il sindaco ha anche annunciato che da lunedì 29 giugno sarà ripristinato il cantiere relativo ai lavori delle Universiadi col completamento della piazzetta antistante lo stadio e la messa in posa dei nuovi seggiolini.

I ringraziamenti verso il civico consesso casertano sono stati espressi anche dal presidente D’Agostino, soddisfatto della piega che hanno preso i lavori inerenti il progetto e sempre più convinto che – ha ribadito ancora una volta – una squadra importante ha bisogno di una struttura importante e viceversa. In risposta ai lavori del Comune (piazzetta e seggiolini) ha annunciato che per metà settembre sarà installato il nuovo manto erboso, un sintetico di ultima generazione che potrà facilitare il lavoro della prima squadra e del settore giovanile e della scuola calcio della Casertana.

Particolarmente entusiasta della velocità delle operazioni è apparso l’imprenditore romano Ciuffarella che ha sottolineato che neanche l’emergenza dovuta al Covid ha rallentato l’attività delle componenti interessate e che probabilmente sul finire dell’anno solare potranno iniziare i lavori che, settore per settore, vedranno il Pinto cambiare completamente aspetto fino a diventare – si è sbilanciato – ‘lo stadio più bello d’Italia’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il nuovo impianto avrà il compito – ha concluso il sindaco Marino – di offrire una autentica agorà per chi lo voglia frequentare, non solo in occasione delle partite di calcio. Una volta completato avrà dei locali per ospitare una biblioteca sportiva ed un museo dello sport che possa tramandare alle generazioni future le memorie delle attività della provincia che ha radici molto fertili nelle attività agonistiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento