Casertana, nuovo buco di un milione: gli atti della Finanza in Procura

D'Agostino non molla: "Pronti per la nuova stagione". Ed arrivano le conferme sui primi calciatori che resteranno anche l'anno prossimo

La conferenza stampa del presidente D'Agostino

Conferenza stampa di fine anno per la Casertana, un appuntamento a cui media e tifosi erano disabituati negli ultimi anni e che invece è stato voluta dal presidente della Casertana Giuseppe D’Agostino. Il numero uno rossoblù ha spaziato in lungo e in largo per la stagione appena conclusa e con ampi sguardi alla ventura. Ed a corollario un nuovo aggiornamento della commercialista di fiducia, dottoressa Francesca Semola, che illustra la situazione derivante dai pregressi debiti delle gestioni antecedenti.

"Felice per la stagone, ma potevamo fare di più" 

“Sono soddisfatto della nostra annata – ha affermato il presidente – anche se sono convinto che si poteva fare qualcosa in più. Siamo stati penalizzati da alcuni errori in avvio, che ci serviranno da lezione. La gratificazione più grande è stata la buona risposta della tifoseria al mio appello di dodici mesi fa. Ora voglio sollecitare anche le istituzioni, affinché non lascino da soli quei pochi che continuano imperterriti a portare in giro per l’Italia il nome della città”. La curiosità maggiore della platea è legata al nome del futuro allenatore dopo l’addio di Luca D’Angelo. “Uno degli errori da evitare – ha osservato D’Agostino – è quello di scegliere prima il tecnico e poi i calciatori, poiché in caso di divorzio con il primo ci ritroveremo un fardello non indifferente. Abbiamo già un congruo numero di calciatori che faranno parte del progetto l’anno prossimo e con la dovuta oculatezza sceglieremo anche chi li dovrà guidare”.

Le conferme della squadra

Rainone, Pinna, Lorenzini, De Vena, De Marco, Santoro sono ancora sotto contratto e la società li riconfermerà; c’è qualche dubbio sulla destinazione di Turchetta che in virtù del campionato disputato ha buone offerte, ma l’intesa è che saranno prese in considerazioni solo quelle provenienti dalla serie superiore. De Rosa ha già formalizzato l’addio, mentre si lavorerà per trattenere i vari Forte, Raicic,. Meola e soprattutto Alfageme per il forte attaccamento alla maglia e alla città. Uno che ha guadagnato la stima della società nel corso della seconda parte del torneo è Mario Finizio. “Da confermare con decisione – sussurra il massimo dirigente rossoblù – ma non ci fossilizzeremo sui nomi chi non vuole restare volentieri è libero di andare altrove”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I debiti e l'indagine della Procura

Ma la notizia che più di tutte esalta i numerosi tifosi presenti è che il progetto Casertana continua, a dispetto di qualche ‘incidente di percorso’ che potrebbe far vacillare chiunque. Il riferimento è all’intervento che andrà a sviluppare subito dopo la dottoressa Semola che annuncia che si è in attesa della inevitabile sanzione da parte dell’Agenzia delle Entrate susseguente alla irregolare conduzione amministrativa relativa alle precedenti gestioni. Ai 500mila euro dei mancati versamenti a vario titolo dovranno aggiungersene circa altrettanti emersi dall’indagine della Guardia di Finanza. “Gli atti sono stati trasmessi alla Procura della Repubblica ha dichiarato la commercialista - e siamo in attesa di sviluppi per costituirci parte civile. Eventuali alleggerimenti per l’attuale amministrazione sono piuttosto lunghi e per ora non ci resta che pagare, magari cercando di dilazione quanto più a lungo possibile”. Poi c’è la questione Universiadi a tenere banco e su questo D’Agostino è categorico e rassicurante. “Ci avevano garantito che i lavori sarebbero iniziato in concomitanza con la chiusura delle nostre attività. Ma noi guadiamo avanti, certo ci dovremmo attrezzare in funzione della struttura. Paradossalmente se avessimo vinto i play off, la promozione in Serie B ci avrebbe oltremodo limitato dal momento che saremmo dovuto andare alla ricerca di uno stadio dove disputare le partite…”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Mamma uccisa, il coltello comprato da Eduardo pochi giorni prima

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

Torna su
CasertaNews è in caricamento