Casertana, via il primo big: Pinna firma col Catanzaro

Il difensore ha raggiunto l'accordo con i calabresi che hanno 'cacciato' i Falchetti dalla Coppa Italia

Paride Pinna lascia la Casertana

Si attendeva la partita di TIM Cup per perfezionare la cessione di Paride Pinna al Catanzaro e dopo i 120’ del Ceravolo, questa mattina la Casertana ha ufficializzato, con una nota stampa, il trasferimento del difensore sardo.

Domenica Pinna era in tribuna per salutare i suoi vecchi compagni e cominciare a prendere confidenza con la sua nuova società. Dei cinque ‘alieni’ che Violante doveva piazzare per le modificate ambizioni societarie l’unico a lasciare i rossoblù è stato proprio il difensore prelevato anni fa dalla Torres. Sono mutate le ambizioni rossoblù, ma nel contempo erano mutate anche quelle di Pinna che il 23 giugno ultimo scorso è convolato a nozze e quindi vedeva aumentate le sue condizioni dal punto di vista economiche e pertanto non se l’è sentita di decurtarsi notevolmente il suo ingaggio. L’accordo col Catanzaro vigeva da tempo, ma il buon Paride non se l’è sentita di esordire in maglia giallorossa proprio contro la Casertana.

Ora, orfana del difensore sardo, la squadra rossoblù perde notevolmente in esperienza e spessore tecnico in un reparto che già a Catanzaro ha mostrare di balbettare al cospetto dell’incisività di Nicastro e compagni. Si parla da tempo di sostituire il partente con Domenico Franco, suo omologo del Rende, probabilmente la cessione del primo potrebbe essere seguita dall’ingaggio del secondo.

Per tornare alla partita del Ceravolo le considerazioni di massima non possono che essere positive, a dispetta del largo punteggio che ha maturato la sconfitta. C’è da tener presente che per tutto l’arco dei tempi regolamentari la Casertana è stata padrone del campo e le occasioni da gol sono fioccate, confortate dall’elevato numero dei tiri dalla bandierina dove spesso si son dovuti rifugiare Adamonis ed i suoi compagni di squadra. Una maggiore incisività nei pressi del portiere lituano avrebbe potuto sbarrare le porte alla vittoria per i falchetti. Il gol a freddo ad inizio del primo tempo regolamentare ha scombussolato i piani di Ginestra che, nella foga di guadagnare la strada per Salerno, ha sbilanciato decisamente la squadra in avanti col risultato che le praterie che si spalancavano davanti a Crispino portavano i giallorossi a dilagare nel punteggio.

Nota positiva, a prescindere dal gol, è stata l’esordio di Cavallini: il ragazzo aveva già impressionato a Roccaraso e col più che pregevole gol messo a segno al Ceravolo, ha confermato di avere le doti adeguate per ritagliarsi il suo spazio in quest’undici. I falchetti sono attesi ora da tre settimana di pausa, gli impegni ufficiali sono rimandati al 25 agosto con l’esordio in campionato a Potenza; nel contempo tocca a Ginestra limare i meccanismi giusti e ancor più alla società di trovare – se necessario – gli innesti adeguati per presentarsi ai nastri di partenza nelle condizioni ottimali.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

Torna su
CasertaNews è in caricamento