Arrestato per droga, l'Albanova vuole dare un'altra chance a Negozio

L'attaccante 19enne è finito nei guai per spaccio

Antonio Negozio, calciatore dell'Albanova

C’è anche un giovanissimo calciatore, il 19enne Antonio Negozio, tesserato con il club di Promozione Albanova Calcio, tra i tre ragazzi finiti in manette nell’operazione antidroga compiuta martedì dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile del Reparto Territoriale di Aversa.

L’attaccante, con un passato anche nelle giovanili del Pisa, è stato arrestato insieme ad altri due giovanissimi, di 20 e 21 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I tre erano stati bloccati bloccati in via De Lieto a bordo di un’auto, subito dopo aver ceduto in cambio di 20 euro un grammo di marijuana ad un occasionale avventore che, alla vista dei militari dell’arma, si era subito liberato della dose di stupefacente appena acquistata scappando a bordo di una vettura. Altri 10 grammi di marijuana, suddivisa in 11 bustine già confezionate, erano poi state ritrovate dai carabinieri a seguito di successive perquisizioni nei confronti dei tre ragazzi. Negozio e gli altri due erano stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA NOTA DEL CLUB - Una notizia che ha sorpreso anche l’Albanova Calcio, la formazione in cui milita l’attaccante 19enne. “La società – si legge in una nota - attende con fiducia che la giustizia faccia il proprio corso ed esprime vicinanza al ragazzo. Abbiamo sempre concepito il calcio come elemento di sviluppo sociale, soprattutto per ciò che concerne i giovani del territorio come Negozio. Trattandosi di un evento che investe la sfera personale e non quella calcistica, nel rimettersi al lavoro degli organi competenti, il club ritiene opportuno lasciare aperte le proprie porte ad un ragazzo di 19 anni, nella speranza di potergli offrire con lo sport un contributo positivo in un momento delicato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento