La Juvecaserta vince un derby tostissimo con Napoli

La partita si decide solo nell'overtime

La Juvecaserta vince un derby tostissimo contro Napoli al termine di una gara che i bianconeri avrebbero potuto portare a casa facilmente senza i soliti cali di tensione e che invece ha avuto bisogno anche di un supplementare.

Napoli prova a partire subito forte per sfruttare l’assenza del tifo casertano, bloccato dal prefetto per motivi di ordine pubblico. I bianconeri ci mettono qualche minuto ma poi riescono ad imporre la propria forza, soprattutto grazie a Ciribeni ed Hassan, chiudendo il primo quarto avanti di 7 (13-20).

I bianconeri di coach Oldoini sembrano voler chiudere subito la partita e sull’asse Petrucci-Hassan costruiscono il massimo vantaggio (+14 al 13’), mentre Napoli non riesce a trovare la via del canestro se non con un libero di Molinari. I bianconeri sembrano portarla chiudere, ma viene meno l’istinto del killer ed i padroni di casa riemergono grazie al duo Molinari-Guarino che riesce ad accorciare le distanze, portando i padroni di casa fino al -4 dell’intervallo lungo (34-38 al 20’).

Oldoini si fa sentire negli spogliatoi e la Juvecaserta ritorna sul parquet con tutt’altro spirito. I bianconeri pigiano subito il piede sull’acceleratore e riallungano sul +8 (36-44). Ma Caserta entra ed esce dalla partita e Napoli ne può approfittare per rientrare di nuovo in gara grazie alla tripla di Di Viccaro ed agli errori di Petrucci ed Hassan dalla lunga. Il quarto fallo di Rinaldi è un campanello d’allarme per Oldoini, che poi vede Napoli arrivare a -1 grazie ai liberi di Dincic. A questo punto sale in cattedra Biagio Sergio che firma 8 punti in un amen che permette ai viaggianti di allungare ancora. A mettere la ciliegina sulla torta è Bottioni, con un canestro sulla sirena che regala il 51-57 dell’ultimio ‘Stop&Go’. 

Dip litiga col ferro dalla lunetta ad inizio quarto e Napoli si aggrappa all’inatteso Di Viccaro che infila la seconda tripla di serata ed al solito Guarino che portano i padroni di casa ad un possesso di distanza (56-58). Nel momento più difficile, Caserta trova il canestro e fallo di Rinaldi che regala un po’ di respiro ai viaggianti. Napoli però è dura a morire e resta a galla grazie al solito Di Viccaro, sul quale prova a stringere la marcatura Petrucci, che riesce finalmente a rubare palla e colpire in contropiede (58-64 al 33’). Dopo il time-out Dincic, però, rimette subito le cose in chiaro, piazzando una tripla pesante. Poi ci pensa Guarino a far scorrere un brivido sulla schiena dei tifosi casertani col canestro e fallo del 64 pari a 2’ e 20’’ dalla sirena. Sergio e Milani firmano i canestri che portano ancora in parità all’ultimo minuto, che si apre con l’infrazione di passi di Hassan (furibondo con gli arbitri). L'attacco di Napoli finisce nelle mani di Dincic, che realizza buttandosi nella difesa bianconera (ad alto coefficiente di difficoltà) e portando avanti i padroni di casa a 15'' dalla sirena. Caserta si affida a Sergio per l'ultimo tiro, ma la palla finisce sul ferro. Hassan esce per falli e manda in lunetta Milani che fa 1/2. Sul fronte opposto Napoli fa fallo su Ciribeni per non dare ai bianconeri la possibilità del tiro da 3 che porterebbe la gara al supplementare. Il numero 9 sbaglia entrambi, ma il rimbalzo è di Dip che apre per Rinaldi che da 3 sulla sirena impatta a quota 69.

Lo schiaffo preso non manda in bambola i padroni di casa, che partono subito forte nell'overtime con Napoli che vola al massimo vantaggio di serata (+5).  Caserta può crollare sulla stoppata subita da Rinaldi ad opera di Dincic, ma Galipò recupera e piazza la bomba del -2. Dip chiude la porta in faccia a Milani e Petrucci sul fronte opposto mette la prima bomba di serata che regala il nuovo vantaggio alla Juvecaserta (76-77 al 43’).  Guarino sbaglia in attacco in uscita dal timeout, ma Galipò lo imita sul fronte opposto. Napoli si affida a Dincic che prova di nuovo a tagliare la difesa, ma stavolta trova solo il ferro. Galipò si ritrova in mano i liberi decisivi e fa 1/2. Napoli gioca l’ultima azione della gara con Dincic che subisce il quinto fallo personale di Sergio. Il numero 11 napoletano va dalla lunetta per la nuova parità a 6 decimi dalla sirena, ma li sbaglia regalando così la vittoria ai bianconeri (76-78).

Gevi Napoli – Decò Caserta 76-78
(13-20, 34-38, 51-57, 69-69)
Ge.Vi.Napoli: Guarino 17, Malfatti 2, Chiera 3, Malagoli 8, Erkmaa, Molinari 3, Di Viccaro 10, Dincic 13, Milani 20, Gazineo ne, Puoti ne. Allenatore Lulli
Decò Caserta: Galipò 4, Iavazzi ne, Dip 9, Petrucci 7, Ciribeni 13, Bottioni 7, Rinaldi 12, Aldi ne, Hassan 13, Sergio 13, Barnaba ne, Mataluna ne. Allenatore: Oldoini
Arbitri Praticò di Reggio Calabria e Nonna di Milano
Usciti per 5 falli: Hassan, Sergio della decò Caserta
Ge.Vi.Napoli: tiri da 2 22/51 (43%, da 3 6/20 (30%), liberi 14/21 (67%), rimbalzi 44 di cui 5 offensivi
Decò Caserta: tiri da 2 14/41 (34%), da 3 11/37 (30%), liberi 17/25 (65%), rimbalzi 41 di cui 8 offensivi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

  • Ucciso per un'offesa ai boss, il pm: "Ergastolo per Zagaria"

  • Tir fuori strada perde il carico di bagnoschiuma | LE FOTO

  • Terribile schianto sull'Appia, tir centra in pieno un'auto: corsa folle in ospedale

  • Imprenditore casertano brevetta un sistema per risparmiare l'energia elettrica

Torna su
CasertaNews è in caricamento