Gladiatori Ribelli al Memorial ZazzàDay

Lo Spartacus partecipa alla manifestazione sportiva

Week end pieno di impegni per lo Spartacus Rugby Social Club. La stagione sportiva non è ancora finita. Il progetto Coppa Campania non è più andato avanti per mancanza di iscrizioni alle tappe previste e allora i ‘gladiatori ribelli’, mentre la dirigenza sta già lavorando in vista della prossima stagione, stanno continuando ad allenarsi, seppur a ranghi ridotti, per tenersi pronti in caso di eventi o nuove esperienze rugbistiche.

E proprio oggi lo Spartacus ha reso omaggio al rugbista scomparso Mariano Credico, partecipato al secondo Memorial ZazzàDay a San Giovanni in Galdo (Campobasso), organizzato dagli Hammers secondo la modalità del rugby Seven e al quale hanno partecipato nel girone A con lo Spartacus anche I Birrati dei Caraibi ed il Foggia Rugby, mentre nel girone B c’erano IV Circolo Benevento, Hammers Campobasso e Rugby Afragola. Al di là dei risultati sportivi c’è stato un grande afflusso di atleti e di vita con il torneo Old, il terzo tempo ed il dj set.

Mentre domani si terranno anche il torneo giovanile e femminile. Lo Spartacus dimostra sempre di essere attento a tematiche sociali e si fa sempre promotore di valori universali e sportivi e dunque la partecipazione spontanea dei ragazzi della seniores è stata una decisione del tutto naturale.

Domani sera, invece, è prevista la partecipazione dello Spartacus nell’ambito della manifestazione artistica ‘La Musica Può Fare”, ottava edizione, organizzata dall’Associazione Club 33 Giri di Santa Maria Capua Vetere e che si terrà per il secondo anno consecutivo nell’Arena Ferdinando II di San Nicola La Strada. Anche in questo caso le affinità con l’organizzazione e le tematiche del festival sono tante. La solidarietà sociale su tutti. I ‘gladiatori ribelli’ saranno fin dal pomeriggio presenti con uno stand con il materiale informativo ed il merchandising della squadra e non è esclusa una dimostrazione di rugby per avvicinare i presenti a questo sport e alla squadra che da due anni è di stanza proprio a San Nicola la Strada, così come ‘La Musica Può Fare’.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento