La Juvecaserta domina il big match: Capodanno da capolista solitaria

I bianconeri comandano dall'inizio alla fine contro la seconda in classifica

La Juvecaserta si regala un Capodanno da capolista in solitaria nel campionato di Serie B, chiudendo il 2018 con la vittoria nel big match contro la vice capolista Matera. Una vittoria netta quella dei bianconeri, che hanno dominato dall'inizio alla fine la gara.

Oldoini temeva molto l’attacco di Matera e forse anche per questo i bianconeri sono scesi in campo molto concentrati in difesa, riuscendo da subito a dettare il proprio ritmo. Si spiega così il parziale di 6-0 iniziale della Juvecaserta, con gli ospiti che hanno trovato il canestro solo dopo 4’ con Sereni in contropiede dopo una palla persa dai padroni di casa. Ma Dip e compagni non hanno mollato nulla, chiudendo il primo quarto sul +11 (17-6). 

E la partita non cambia neanche nel secondo quarto, con Ciribeni e soci che riescono a tenere a bada le bocche di fuoco lucane che dopo 15’ avevano messo a referto appena 10 punti. I bianconeri, pur non trovando il tiro dall’arco, riescono a punire la difesa azzurra con continuità arrivano fino al +18. Gli ospiti riescono a rientrare un po’ in partita grazie alle bombe di Merletto e Del Testa, ma all’intervallo lungo il distacco è ancora in doppia cifra (35-21).

Al rientro sul parquet Matera sembra avere un’altra “testa”, soprattuto in fase difensiva, mettendo in difficoltà Caserta nella costruzione di gioco. Ma i ragazzi di coach Oldoini sono super concentrati e non hanno alcuna intenzione di lasciare nulla al caso, trovando anche la prima bomba di serata con Rinaldi (che resterà anche l’unica su 11 tentativi nei primi 30 minuti). Matera, sul fronte opposto, invece, quando avrebbe bisogno del tiro da tre lo forza sbattendo contro il ferro (3/22 nei primi 30’). La Juvecaserta riesce così a mantenere il vantaggio in doppia cifra all’ultimo ‘stop&go’ (51-38).

Del Testa prova a suonare la carica dei lucani con la tripla del -12, ma Petrucci lo paga con la stessa moneta sul fronte opposto. Ed è proprio il numero 8 bianconero a diventare il protagonista dell’ultimo quarto, con altri tre canestri consecutivi ed una difesa forte che permette ai padroni di casa di arrivare sul +21 al 35’ che fa praticamente scorrere i titoli di coda sulla partita. Il tabellone alla fine dice 76-50 che vale il Capodanno da capolista per i bianconeri.

Decò Caserta – Bawer Matera 76 – 50

(17-6, 35-21, 51-48)

Decò Caserta: Galipò, Dip 17, Petrucci 16, Ciribeni 15, Bottioni 1, Rinaldi 4, Aldi ne, Hassan 19, Sergio 4, Barnaba ne, Vallarelli ne, Mataluna ne, Piazza ne. Allenatore: Oldoini

Bawer Matera: Mancini ne, Buono 2, Battaglia 2, Del Testa 15, Datuowei 2, Merletto 9, Sereni 8, Cena 10, De Leone 2, Cesano ne. Allenatore: Origlio

Arbitri: Spessot di Fogliano Redipuglia (GO) e Andrea Andretta di Udine

Decò Caserta: tiri da 2 27/40 (68%), da 3 3/16 (19%), liberi 13/22 (59%), rimbalzi 39 di cui 9 offensivi

Bawer Matera: tiri da 2 14/39 (36%), da 3 5/30 (17%), liberi 7/11 (64%), rimbalzi 35 di cui 16 offensivi 

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Erano nel cerchio magico di Zagaria". L'accusa devastante per i 2 imprenditori

  • Cronaca

    L’ultima telefonata prima dell’arresto: “Vieni al bar, sto qua”. Ma scatta il blitz dei carabinieri

  • Incidenti stradali

    La strage sulla Telesina. S'indaga sui furti commessi anche nel casertano

  • Incidenti stradali

    Schianto violentissimo tra due auto

I più letti della settimana

  • Sacerdote casertano ‘espulso’ da Papa Francesco

  • E' morto Michele "Spaghetto"

  • Va a letto con la cugina della moglie, poi la perseguita e finisce a processo

  • Strage sulla Telesina: 4 morti. Inseguiti dopo la segnalazione di un furto

  • LE INTERCETTAZIONI Sesso in Comune per il condono: "Vieni così dopo ..."

  • Droga ai ragazzini delle Medie, arrestato figlio di un noto professionista

Torna su
CasertaNews è in caricamento