Doppietta di Castaldo, la Casertana corre verso i play-off

Il Siracusa cade al Pinto dopo il vantaggio su rigore

Vasquez ha realizzato il rigore del vantaggio del Siracusa al Pinto

Restano quattro cartucce da sparare per la Casertana in vista dei play off. Due al Pinto e due in trasferta, si comincia dalla gara col Siracusa che, a dispetto di una classifica che la dice lunga sul divario tecnico tra le due formazioni, non è proprio un ostacolo semplice da superare. Vuoi perché la Casertana gioca in casa e quindi è chiamata a ‘fare’ la partita, imponendo il proprio gioco, vuoi perché i siciliani sono in serie positiva da tempo ed affidano agli ultimi scampoli del torneo le speranze di salvezza, messa in discussione dalle ultime notizie provenienti dal fronte penalizzazioni. Ma i falchetti prima di pensare alle disgrazie altrui devono prendere in considerazione la loro posizione e cercare di mettere in cascina il massimo dei punti per posizionarsi in maniera congrua in ottica post season. La ritrovata serenità dei calciatori in campo e dei tifosi sugli spalti, ad onta della particolare giornata e dell’orario di gara non proprio adeguato. Ma si sa che quando da queste parti arrivano le squadre siciliane c’è da mettere in conto il viaggio di ritorno degli avversari.

LE SCELTE. Pochesci recupera una mezza dozzina di calciatori provenienti da squalifiche ed acciacchi vari. Panchina quindi nutrita a differenza delle precedenti occasioni dove trovano posto anche Zito, Mancino e De Marco, premiato ad inizio partita dal presidente D’Agostino per le sue 150 presenze collezionate con la maglia rossoblù. Tra i rincalzi anche l’unico ex della partita, Nicola Mancino. In campo anche Vacca e D’Angelo reduci da condizioni fisiche non proprio ottimali. Raciti invece ha tutti a disposizione e i problemi di abbondanza inducono a dare un po’ di respiro a chi ha tirato la carretta quasi ininterrottamente come per esempio l’esterno destro Daffara. Confermato il tridente alle spalle dell’unica punta Vasquez, vale a dire Parisi, Catania e Russini.

PRIMO TEMPO. Inizio a spron battuto su entrambi i fronti: per primo si rende pericoloso il Siracusa su azione d’angolo e conclusione di testa di Parisi fermata da Rainone, a giudizio degli ospiti con un braccio, ma l’arbitro vicinissimo fa proseguire. Su capovolgimento di fronte si invola sulla destra Vacca, fermato all’ultimo a sua volta in corner. Al 10’ Ott Vale se ne va in contropiede con la Casertana sbilanciata in avanti, entra in area dove è affrontato in maniera fallosa, secondo il direttore di gara, da Blondett e scaturisce quindi il calcio di rigore per gli ospiti. Dal discetto Vasquez non perdona Adamonis che pure indovina l’angolo ma non riesce ad intercettare. La reazione rossoblù è sterile ed improduttiva non riuscendo mai i falchetti a penetrare in area avversaria. La lunga mole di gioco produce solo qualche calcio di punizione dalla distanza che puntualmente si infrange sulla barriera biancazzurra. Poco gioco da parte dei padroni di casa per i quali c’è un netto regresso rispetto allo spettacolo offerto quindici giorni fa contro il Rende. Si registra anche qualche fallo di troppo che rallentano oltretutto la partita e già dalla mezz’ora Pochesci manda Zito in zona riscaldamento. La sostituzione avviene zzl 36’ con l’ex Salernitana che va a posizionarsi sulla sinistra, restituendo a Meola la posizione più congeniale. Il neoentrato entra subito in azione con due calci franchi non raccolti però dagli avanti casertani. Al 3’ di recupero l’occasione buona (l’unica) capita sui piedi di D’Angelo ma il centrocampista, forse colto in controtempo, viene contrato al momento di battere a rete a colpo sicuro. Finisce una prima frazione in cui la Casertana non riesce ad imporre il proprio gioco, anzi spesso è costretta a subire la veemente effervescenza del Siracusa.

SECONDO TEMPO. La ripresa inzia con un cambio per parte e nella Casertana Pochesci chiama all’opera De Marco che va a sostituire Santoro. La Casertana come auspicato inizia col piglio diverso e si riversa costantemente in area siracusana ma Crispino resta comunque inoperoso. Al 10’ il primo tiro verso la porta siracusana ad opera di Padovan che su assist di Castaldo, complice un flop del centrale avversario, spedisca alto sulla traversa di Crispino. Passa solo un minuto e Castaldo si veste ancora da assist man per Padovan che questa volta, da posizione migliore centra in pieno il portiere avversario. La pressione locale si fa insistente e al 12’ c’è l’occasione per il pareggio. Pascali si porta in avanti e viene atterrato in area da Parisi. Altro rigore di giornata e questa volta Castaldo non sbaglia. Sulle ali dell’entusiasmo la Casertana insiste e al 15’ De Marco, su altro assist di Castaldo, cicca clamorosamente un rigore in movimento. Al 32’ la rimonta è servita: una lunga azione sulla sinistra porta al cross Zito che serve Castaldo che senza pensarci troppo batte violentemente a rete e non dà scampo a Crispino. Al 38’ altra avvolgente azione della Casertana a cui partecipano un po’ tutti i rossoblù dalla tre quarti in su ma il tentativo di cross finale di Zito viene respinto in angolo. Il Siracusa prova a rientrare in gara più con qualche cambio che con i pericoli per Adamonis che però deve fare i conti col giallo del signor Gualtieri per perdita di tempo. Finisce con il ritorno alla vittoria della Casertana che scala posizioni in classifica in virtù dei risultati che maturano sugli altri campi.

CASERTANA-SIRACUSA 1-1

CASERTANA (3-5-2): Adamonis; Rainone, Pascali, Lorenzini; Blondett (36’ Zito), Santoro (46’ De Marco), Vacca (84’ Mancino), D’Angelo, Meola; Padovan, Castaldo. A disp. Zivkovic, Amoroso, Ceriello, Cigliano, Matese, Gonzales, Genovese, Moccia, Leonetti. All. Pochesci

SIRACUSA (4-2-3-1): Crispino; Di Sabatino (84’ Talamo), Turati, Bertolo, Bruno (89’ Cognigni); Palermo (63’ Fricano Gio.), Ott Vale; Parisi (46’ Del Col), Catania, Russini (63’ Daffara); Vasquez. A disp. D’Alessandro, Boncaldo, Tiscione, Mustacciolo, Rizzo, Lombardo, Souaré. All. Raciti

ARBITRO: Matteo Gualtieri di Asti (Antonio Severino di Campobasso e Giulio Basile di Chieti) RETI: 10’ Vasquez (rig.); 58’ (rig.) e al 77’ Castaldo

NOTE: giornata mite, terreno in discrete condizioni; spettatori 1000 circa di cui una decina proveniente da Siracusa; ad inizio partita il capitano della Casertana Rainone ha deposto un mazzo di fiori nel settore distinti in omaggio al tifoso rossoblù Ciro Vergone scomparso in settimana; angoli 9-2; ammoniti Blondett, Parisi, Rainone, Mancino, Adamonis; espulso al 28’ Ott Vale per gioco falloso; recupero 3’ e 3’

35^ GIORNATA – RISULTATI Casertana – Siracusa 2-1 Cavese - Reggina 0-1 Matera - Paganese 0-3 a tavolino Rieti - Rende 1-1 Sicula Leonzio – J. Stabia 16,30 Trapani - Potenza 2-1 Vibonese - Monopoli 18,30 Viterbese - Catanzaro 2-2 V. Francavilla - Catania 16,30 riposa Bisceglie

LA CLASSIFICA Juve Stabia (-1) 68 Trapani (-1) 67 Catania 60 Catanzaro 58 Potenza 50 Casertana 47 V. Francavilla 46 Viterbese 45 Monopoli (-2) 44 Rende (-1) 44 Reggina (-4) 43 Sicula Leonzio 42 Vibonese 42 Cavese 40 Siracusa (-3) 36 Rieti (-4) 34 Bisceglie (-3) 26 Paganese 17 Matera esclusa

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio Zeppetella: Zagaria comparirà in aula

  • Attualità

    Fiori sulla tomba del criminale nazista | FOTO

  • Cronaca

    Incendio nella braceria vicino all'ospedale

  • Incidenti stradali

    Carambola tra 2 auto: donna travolta alla fermata del bus

I più letti della settimana

  • Sparatoria dopo il colpo, fuga sull'Appia

  • La tragedia di Pasquetta: è morto il medico Zinzaro

  • Vola dal balcone, muore sul colpo

  • Imprenditore dei Casalesi al servizio dei Piccolo, Buttone: "Volevo ucciderlo"

  • Ha ospitato il boss latitante per un debito nella "bisca dei vip"

  • Truffatrice incastrata nell'ufficio postale finisce alla sbarra

Torna su
CasertaNews è in caricamento