Campilongo compie l’impresa, la Casertana recrimina. Il punto della 21esima

La Reggina cade al Menti. Uguagliato il record negativo di reti, di D’Angelo l’unica doppietta

Angelo D'Angelo ha segnato una doppietta contro il Rende

La notizia è la sconfitta della Reggina. Gli amaranto di Toscano tornano battibili e l’impresa la compie Sasà Campilongo. L’ex giocatore-diesse-allenatore della Casertana indovina tutto, anche la possibilità di battere la capolista e passa alla storia del campionato per quello che ha fermato la marcia – fin qui – inarrestabile degli amaranto nella corsa alla Serie B. Sono 18 i gol messi a segno tra sabato e domenica, minimo storico del torneo che affianca il record della 18^ e 15^ giornata, con tre rigori messi a segno ed una autorete che spiana la strada alla vittoria del Catanzaro sul Bisceglie. Quattro le vittorie esterne, quattro i pareggi e solo Catanzaro e Cavese fanno valere la legge del fattore campo.

La Cavese dunque mette alle corde la Reggina nel gioco e nel punteggio e rilancia le sue ambizioni play off, dimostrando, come dice il suo mentore, di poter giocarsela con tutti. La ripresa dopo la lunga sosta è fatale ad altre squadre che vanno per la maggiore e la vetta della classifica – escluso la comunque indiscussa posizione della leader, vive un altro scossone. Oltre agli amaranto, il ritorno in campo dopo la sosta è fatale a Potenza, Monopoli ed in parte al Bari. I lucani cedono i tre punti (e la seconda piazza) alla Ternana che sul filo di lana – con Vantaggiato – vìolano il Viviani; il Monopoli vengono infilati dal redivivo Calil e confermano il periodo di appannamento dopo l’altra sconfitta interna ad opera dell’Avellino e solo al 94’ un guizzo di D’Ursi salva il Bari dal ko a Viterbo.

Ne consegue che ora ad affiancare i galletti nell’inseguimento alla Reggina si propone ancora una volta la Ternana. Si conferma il Catanzaro anche se il successo di misura sul Bisceglie matura non senza patemi d’animo e ci vogliono due deviazioni (decisiva quella di Turi in occasione del primo gol) per mettere fuori causa Casadei. Frena la corsa il Catania che col pari di Francavilla sente sul collo il fiato del Teramo, della sorprendente Paganese, oltre che di Vibonese ed Avellino che si sono divise la posta nello scontro diretto. In attesa del miglior Albadoro, con Charpentier infortunato ed Alfageme squalificato ci ha pensato il giovane Parisi (tre gol nelle ultime tre gare) a togliere le castagne dal fuoco a Capuano. Nella parte bassa della classifica piccoli passi in avanti di Virtus Francavilla e Viterbese fermati sul pari in casa da Catania e Bari, ma ora si fa minaccioso il Picerno che grazie al blitz di Rieti cerca di abbandonare l’ultimo posto che interessa i play out. Play out che – allo stato attuale – non si disputerebbero data la distanza (nove punti) tra i lucani e la Sicula Leonzio. Pressoché segnata la sorte del Rieti che oltre alla crisi di risultati deve fare i conti anche con la nuova penalizzazione (altri 4 punti) che riporta i sabini in ultima posizione.

La Casertana esce indenne dalla trasferta calabrese, ma il punto rimediato contro il Rende, ancorché per due volte sotto, sa tanto di amaro. Perché la squadra di Ginestra ha sempre condotto il gioco, ha creato maggiori e più nitide occasioni da gol, ha provocato le prime due reti subite dall’esordiente Cerofolini con evidenti usuali errori evitabilissimi. Forse un tantino esagerato il rigore concesso a Morselli, ma una squadra del valore tecnico come quella rossoblù deve assolutamente evitare di avventurarsi in ripartenze che provocano break da parte degli avversari che risultano veri e propri tsunami. In compenso, con Starita ed il rientrante Castaldo con le polveri bagnate, sale in cattedra D’Angelo che mette a segno la doppietta che evita il naufragio. E poi c’è sempre Zito a farla da padrone nella metà campo avversaria distribuendo palloni in quantità industriale per offrire ai compagni opportune potenzialità di portare insidie alle difese. Ginestra ritrova Santoro nel ruolo di play maker ma è fin troppo evidente che il ragazzo deve ancora acquisire il passo e la mentalità giusta per diventare il motore di questa squadra. A volte lo soppianta nel ruolo il valido Varesanovic e non è detto che potrebbe essere proprio il bosniaco ad assumere le responsabilità del ruolo. A meno che sul mercato Violante non trovi il calciatore giusto che potrà dare spessore al centrocampo rossoblù.

I BOMBER. Ancora una volta restano al palo i marcatori di prima fascia. La sosta ha imbrigliato anche loro e le uniche variazioni in vetta riguardano Santaniello del Picerno che col rigore realizzato a Rieti sale a 8 reti all’attivo ed Angelo D’Angelo, autore di una doppietta che non solo lo proietta a quota 7 ma gli consente di staccare l’amico Castaldo e posizionarsi subito dopo il capocannoniere della Casertana Starita. Parisi dell’Avellino sigla la terza rete consecutiva (quarta nel torneo) e Nicoletti del Catanzaro si vede negare dalla deviazione decisiva di Turi il primo gol del campionato. In reti, ma attardati in classifica, anche Calil, Di Roberto e Vantaggiato, due attaccanti che col gol hanno una certa dimestichezza.

COSI’ DOMENICA. Domenica prossima è in programma la terza del girone di ritorno, con la prima che sarà recuperata il mercoledì successivo. Il cartellone propone interessanti confronti tra le outsider con Catania-Potenza e Catanzaro-Monopoli per dare una fisionomia più chiara alla griglia delle inseguitrici. Le tre del podio sono attese da stuzzicanti testa-coda con la coppia della piazza d’onore impegnata in casa (il Rieti a Bari e il Rende a Terni) mentre la Reggina va a Bisceglie: per tutte c’è la necessità di registrare la tenuta mentale oltre che quella fisica. Teramo e Vibonese cercano di consolidare la posizione play off con impegni ostici, dove gli avversari si chiamano rispettivamente Avellino e Cavese, mentre lo stesso compito spetta alla Paganese nel più abbordabile impegno con la Sicula Leonzio. Il Pinto riapre ospitando la Virtus Francavilla che tenta l’aggancio in classifica alla Casertana, ma Castaldo e compagni non possono permettersi il lusso di ulteriori regali, specie se al cospetto c’è una diretta concorrente. Tutte le compagini comunque sono alle prese con impegni che si riveleranno sempre più decisivi e cercheranno di affrontarli mettendo a punto le armi a disposizione, oltre quelle su cui potranno contare considerato che il mercato è aperto e i colpi si susseguono a velocità stratosferica.

21^ GIORNATA – I RISULTATI Avellino - Vibonese 1-1 Catanzaro - Bisceglie 2-1 Cavese - Reggina 3-0 Monopoli - Paganese 0-1 Potenza - Ternana 0-1 Rende - Casertana 2-2 Rieti - Picerno 0-1 Sicula Leonzio - Teramo 0-1 Viterbese - Bari 1-1 V. Francavilla - Catania 0-0

LA CLASSIFICA Reggina 49 Bari 40 Ternana 40 Potenza 39 Monopoli 37 Catanzaro 32 Catania 29 Teramo 28 Paganese 27 Vibonese 27 Avellino 27 Casertana 26 Cavese 25 Viterbese 25 V. Francavilla 23 Picerno 20 Bisceglie 14 Rende 14 Sicula Leonzio 11 Rieti (-5) 8

IL PROSSIMO TURNO (domenica 19 gennaio) Bari - Rieti Bisceglie - Reggina Casertana - V. Francavilla Catania - Potenza Catanzaro - Monopoli Paganese - Sicula Leonzio Picerno - Viterbese Teramo - Avellino Ternana - Rende Vibonese - Cavese

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I CANNONIERI 14 reti Corazza (Reggina, 1 rig.) 13 reti Fella (Monopoli) Antenucci (Bari, 6 rig.) 9 reti Marcheggiani (Rieti, 1 rig.) 8 reti Starita (Casertana) Volpe (Viterbese) Santaniello (Picerno, 1 rig.) Bubas (Vibonese, 3 rig.)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento