Casertana, Violante rientra dal Nord e comincia a sciogliere i primi nodi

Le conferme dei big ed il ritiro le priorità del responsabile tecnico rossoblu

Il direttore della Casertana Salvatore Violante

E’ rientrato dalla due giorni emiliana il responsabile dell’area tecnica della Casertana Salvatore Violante e si è messo subito al lavoro per ridisegnare la Casertana 2019-20. Il dirigente di San Prisco era stato segnalato, tra l’altro a Parma ed il pensiero di tanti era andato subito a Giuseppe Carriero che a detta dei bene informato era uno dei primissimi obiettivi rossoblù.

“Niente di vero – smentisce subito Violante – non sono stato a Parma bensì a Sassuolo per vedere la semifinale del campionato Under 19 e poi a Reggio Emilia per incontrare un amico di vecchia data. Continuano ad essere accostati alla Casertana tanti nomi di calciatori alla Casertana ma posso assicurare che sono tutte voci prive di fondamento, non abbiamo intavolato alcuna trattativa”.

La precedenza – come annunciato in conferenza stampa – sarà data ai tesserati. Ce ne sono tanti, con contratti pluriennali e per giunta anche onerosi coi quali il dirigente rossoblù vuole parlare e ‘guardarli negli occhi’ come lui stesso ha dichiarato. Solo quando avrà capito chi dei ‘vecchi’ potrà ancora fare al caso si passerà ad integrare la rosa coi nuovi innesti. Di ritorno dal nord Violante ha fatto tappa anche a Roccaraso per valutare la sede del ritiro da sottoporre all’allenatore Ginestra.

“La località abruzzese – annuncia - è la prima scelta per quanto riguarda il ritiro. La preferisco ad altre perché non troppo lontana da Caserta e potrebbe permettere anche ai tifosi di essere facilmente raggiungibile. Recentemente l’impianto è stato danneggiato nel suo manto erboso, ma mi hanno garantito che nel giro di una quindicina di giorni dovrebbe essere rimesso a posto. Certo, non sto con le mani in mano; sto valutando anche qualche alternativa ma se la promessa sarà mantenuta opterò volentieri per Roccaraso”.

I falchetti soggiorneranno in Abruzzo nella seconda quindicina di luglio, considerato che il 4 agosto c’è già la prima uscita ufficiale con la prima partita di Coppa Italia. Negli anni passati il denominatore comune era stato l’arrivo di tanti calciatori a preparazione in corso ed in qualche caso c’era anche chi si aggregava dopo il romitaggio precampionato. Quest’anno la tendenza dovrebbe essere invertita.

“Daremo a Ginestra un gruppo di calciatori numericamente adeguato per la preparazione, possibilmente quelli che poi formeranno per la gran parte l’organico della squadra. L’dea è quella di avere già una formazione consolidata sin dai primi giorni, ma dobbiamo tenere l’occhio lungo e l’orecchio teso perché le evoluzioni del mercato presentano tante opportunità in qualsiasi momento: dovremo farci trovare pronti, in qualsiasi momento e per qualsiasi evenienza”.

Potrebbe interessarti

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Frutta e verdura: non tutte fanno dimagrire! Ecco quali scegliere per perdere peso velocemente

  • Selfie e palleggi con i tifosi, Mertens show sulla spiaggia di Castel Volturno

I più letti della settimana

  • TERREMOTO Trema la terra, terza scossa in poche ore

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • ADDIO GIANCARLO Fissati i funerali del tabaccaio casertano

  • "Preghiamo insieme per Giovanni ed Ilenia", gli amici si ritrovano in ospedale

  • Un generale dei carabinieri nel Comune guidato dal commissario

Torna su
CasertaNews è in caricamento