Calcio a 5. Procida firma il primo stop in campionato per il Casaluce

La formazione casertana, rimaneggiata nel roster, cede in casa 8-6

Prima sconfitta in campionato per la capolista G. S. Casaluce: il Procida Futura ferma la corsa della formazione casertana imponendosi 8-6. Deluso Verazzo: “La mancanza di uomini chiave è una giustificazione fino a un certo punto, la partita si poteva vincere”. La squadra allenata da mister Fernando D’Ambrosio, ultimamente, non sta certo godendo di ottima salute, nel vero senso della parola, e come se non bastasse anche la fortuna sembra gli abbia voltato le spalle, visto che tra squalifiche da scontare ed infortuni importanti la rosa di calciatori che ogni volta devono scendere in campo si riduce sempre al lumicino. Ed ecco quindi che si è costretti a rimaneggiare la squadra alla meno peggio con quello che hai a disposizione, ed il risultato è quello che si è visto sabato pomeriggio sul campo dello Sporting Club Azzurro 92, contro la compagine isolana del Procida Futura che si è portata, a casa, meritatamente, i tre punti, battendo i padroni di casa del Casaluce per 8 reti a 6.

Finisce così l’imbattibilità in campionato dei verde/giallo/blu del patron Fusco e del suo vice Verazzo che certamente non l’avranno digerita bene ma si sa, nello sport bisogna saper accettare anche le sconfitte soprattutto se queste sono meritate, e nella sfida di oggi, il Procida non ha senz’altro demeritato, anzi, ha dimostrato di essere una squadra in salute con un buon collettivo, in grado di poter competere alla pari con qualsiasi altra squadra del Girone, aumentando così a 13 il suo bottino in classifica e posizionandosi al quarto posto, a soli 5 punti dalla vetta occupata sempre in solitaria dal Casaluce che dopo questa debacle ha segnato il passo a 18 punti, favorendo la sua diretta inseguitrice dello Sporting Tigre Acerra vittoriosa  in casa contro lo Sparta per 16 reti 2, riducendo di fatto il suo divario dalla Capolista a soli 2 punti, e che manco a farlo apposta, il prossimo mercoledì 19 dicembre, ospiterà in casa, proprio il Casaluce nella gara di ritorno dei quarti di finale di Coppa Campania, dove per passare il turno dovrà cercare di ribaltare il risultato di 9 a 3 subito all’andata in campo avversario, ma visto la deludente prestazione di sabato da parte della squadra di D’Ambrosio, nulla è scontato, a meno che già ad iniziare da lunedì tutto il gruppo casalucese faccia ammenda degli errori commessi e lavori sodo per scendere in campo ad Acerra con la volontà e con la giusta mentalità per staccare a tutti i costi il biglietto che la porterà a disputare la Final Four Campania, quindi, il 19, si prevede una grande partita tra due squadre rivali e vincenti che puntano alla C2.

“Sono arrabbiatissimo con i miei ragazzi – sbotta il D.S. del Casaluce Verazzo – questa, era una partita che volendo si poteva vincere visto lo spessore del Procida Futura, una squadra giovane composta da tanti giovani che si muovono bene in campo ma che soprattutto corrono, ma con una squadra completamente rimaneggiata e messa su alla meno peggio per via di molte assenze importanti di giocatori che in campo ti fanno la differenza, come ad esempio Di Gennaro e il portiere Incoronato ma anche per la indisponibilità del nostro Capitano Giusti, infortunato, che ha provato perfino ad entrare in campo per tre volte ma ogni volta e dovuto subito uscire dolorante dal campo, a un certo punto della gara, ci siamo resi effettivamente conto che dopo il nostro vantaggio iniziale per 2 reti a 0 e dopo essere stati agguantati e subito distaccati di ulteriori due reti, di non avere in campo cinque uomini ma solo due, in quanto gli altri tre era come se non esistevano, o meglio, messi in condizione di poter dimostrare di essere finalmente all’altezza della situazione, hanno disatteso tutte le aspettative, quindi – fa sapere il dirigente del Casaluce – già a partire dalla seduta di allenamento di lunedì prossimo, assieme al Mister,  vedremo e valuteremo subito il da farsi, e se ci saranno da prendere delle decisioni drastiche per il bene Società e della Squadra, verranno prese senza se e senza ma, anche a costo di riaffacciarci nuovamente sul mercato. Questa Squadra – conclude Verazzo – che oggi conta su una rosa di ben 14 elementi, per poter centrare tutti gli obiettivi prefissati, non può e non deve assolutamente poter fare affidamento solo su 3/4 calciatori ma deve poter contare su tutti sempre, comunque e dovunque, ed in qualsiasi condizione, altrimenti non saremo mai una squadra competitiva che punta a raggiungere degli obiettivi ambiziosi”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento