Albanova-Gladiator, arriva il derby. Ciano e Liccardi lanciano la sfida

Il difensore: "Vogliamo regalare la vittoria ai nostri tifosi". L'attaccante: "La batosta dell'andata non l'abbiamo scordata"

Vincenzo Liccardi e Michele Ciano

E’ la ‘Partita’ del calcio minore casertano. Il big match del mondo dilettantistico della provincia di Caserta. Albanova-Gladiator non è solo la sfida di cartello della terza giornata di ritorno del campionato di Eccellenza (girone A). E’ la ‘battaglia’ agonistica tra due piazze che vogliono ritornare nel calcio che conta.

Da una parte l'Albanova che dopo la festa per la conquista dell’Eccellenza (dopo un campionato di Promozione da applausi) prova subito ad ergersi tra le grandi anche nel quinto campionato italiano. Dall’altra parte una società, quella nerazzurra del Gladiator, che in estate ha acquisito il titolo della Maddalonese regalando ad una città, quella di Santa Maria Capua Vetere, che vive di pane e pallone, nuove emozioni solamente ‘congelate’ negli ultimi anni.

Si giocherà domenica 13 gennaio alle 14.30 allo stadio comunale di Casal di Principe, intitolato all’indimenticato Angelo Scalzone, fenomeno del tiro a volo (specialità piattello fossa) che conquistò l’oro con il punteggio record di 199/200, davanti al fortissimo tiratore francese Michel Carrega (198/200) e all’italiano Silvano Basagni (195/200) nel 1972 ai Giochi di Monaco di Baviera.

A rendere più romantico il tutto potrebbe arrivare anche una leggera pioggia, che bagnerà le teste degli oltre 100 sammaritani che arriveranno a Casale (c’è anche un pullman gratuito messo a disposizione della società) e gli oltre 500 ‘padroni di casa’ che spingeranno i ragazzi di patron Zippo.

Dalle 14.30 poi la parola passerà al campo. Dove ci saranno anche Vincenzo Liccardi e Michele Ciano, che si affronteranno a viso aperto ma “col fair play che deve contraddistinguere questo derby”. E lo dicono in coro, perché i giorni che stanno precedendo il match hanno già acceso gli ambienti, ma “speriamo che sia una vera e propria festa dello sport”. E alla fine vincano i migliori.

Ovviamente le settimane di lavoro delle 2 squadre si sono aperte con lo sguardo fisso all’obiettivo. Il Gladiator ha ancora il dento avvelenato per la sconfitta dell’andata e bomber Liccardi non ha problemi a dire che “quella batosta interna vive ancora nei nostri pensieri, ed è con questa idea che entreremo in campo per regalare la stessa delusione ai nostri avversari”. E’ chiaro che i sammaritani puntano alla vittoria anche per allontanare i casalesi (Gladiator 5° a 30 punti, Albanova 7° a 25) visto che “la classifica già non rispecchia i veri valori che esprime questa squadra e quindi non bisogna guardare a chi c’è nell’altra metà campo e pensare gara per gara puntando solo ed esclusivamente a fare un gol in più degli avversari. Dobbiamo riprenderci le posizioni migliori del girone e per farlo bisogna dare il massimo per i 90 minuti delle prossime 13 partite”.

Sta vivendo invece un momento molto positivo l’Albanova che nelle ultime 4 gare ha portato a casa 10 punti e vuole dare continuità ai risultati: “Vogliamo regalare una grande vittoria ai nostri tifosi – ha detto il difensore casalese Michele Ciano -, ed è indiscutibile che partite importanti come questa si preparano da sole. Stiamo studiando nei minimi dettagli i nostri avversari e le motivazioni aumentano ora dopo ora, domenica saremo carichi al massimo per esprimere la nostra migliore prestazione in questo derby che è fondamentale per la nostra stagione. Le partite si vincono in settimana, e i ragazzi si stanno allenando alla grande perché sappiamo bene che non bisogna tralasciare alcun particolare. Nel calcio vincono gli episodi, e noi dobbiamo fare di tutto affinché accadano a nostro favore”.

E quindi l’appello congiunto alle tifoserie: “Che sia una splendida gara anche sugli spalti – conclude Ciano – perché promettiamo di giocarcela fino alla fine con tutto l’agonismo possibile, ma poi al triplice fischio non mancherà la stretta di mano tra di noi in campo”. E Liccardi aggiunge che “queste partite diventano fantastiche anche da giocare quando i rispettivi tifosi incitano le proprie squadre e vincano insieme a loro le gare. Domenica dimostriamo a tutti quello che troppe volte viene dimenticato: il calcio è, semplicemente, gioia”.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

Torna su
CasertaNews è in caricamento