La giovane Italia rifila il tris ai pari età spagnoli in un Pinto vestito a festa

L’amichevole internazionale premia il lavoro della squadra affidata a Federico Guidi

Aria di festa e calcio internazionale al Pinto in occasione della gara amichevole tra Italia e Spagna che si affrontano con le loro rappresentative Under 19. Tribuna gremita in ogno ordine di posto con tanti addetti ai lavori che sono convenuti a Caserta per monitorare i tanti giovani a disposizione di Federico Guidi nella squadra la cui gestione è affidata al capodelegazione Evaristo Beccalossi, ex bandiera dell’Inter. E proprio della squadra nerazzurra è l’autentica stella del giorno, l’attaccante sammaritano Davide Merola che ha richiamato sugli spalti numerosi amici e parenti che hanno l’opportunità di vedere da vicino la performance del proprio beniamino. 

PRIMO TEMPO. L’Italia parte subito, grazie proprio all’idolo di casa che fa sussultare per primo il Pinto con un calcio di punizione – guadagnato da Piccolo che va a lambire l’incrocio dei pali alla sinistra di Calvo. Dopo questa occasione bisogna aspettare un quarto d’ora, durante il quale le due squadre sono più impegnate a prendere le misure all’avversario, per vedere un nuovo tentativo verso la porta. Riccardi approfitta di uno sbilenco rinvio del portiere iberico ma al momento della conclusione viene stoppato da Sendra. Si ribalta il fronte d’attacco e Carnesecchi è costretto ad uscire a valanga sui piedi di Barracansmarcatosi all’altezza del dischetto. La Spagna cerca la manovra ragionata, mentre gli azzurri sono più stimolati all’azione risolutivo dalla spinta del Pinto. Al 24’ Merola guadagna un calcio di punizione dal limite e si porta sulla sfera, salvo poi a lasciare l’impegno a Salvatore Esposito che disegna la parabola che beffa Calvo indirizzando la sfera al set. La reazione spagnola è sterile anche grazie al brillante filtro che il centrocampo azzurro effettua a protezione della propria retroguardia. L’unico squillo ospite arriva al 43’ con Conde che gira un cross proveniente dalla destra ma la sfera finisce alta.

SECONDO TEMPO. Parte la girandola dei cambi in casa Spagna alla ripresa delle ostilità, ma la musica non cambia. La squadra di Denia cerca insistentemente il gioco sulle fasce e Guidi risponde con una doppia mossa, una delle quali coinvolge anche l’attaccante sammaritano Merola, sostituito da Vignato mentre l’altro interista Salsedo Mora subentra al promettente attaccante della Roma Riccardi. La partita scorre sui binari dell’equilibrio anche se grosse azioni da gol non si fanno registrare. Momento topico del secondo tempo capita al 22’ con Petrelli da poco subentrato conquista palla e si invola sulla sinistra, supera un paio di avversari, resiste alla carica di un terzo e arrivato sulla linea di fondo scarica a centro area dove Zennaro piazza il piattone che trafigge Munoz. In pieno recupero l’Italia arrotonda il punteggio con Petrelli lanciato in contropiede ed abile a sfuggire al tentativo di recupero dei centrali spagnoli. Finisce in tripudio per il ritorno di una formazione nazionale giovanile a Caserta che ostenta il buon lavoro portato avanti da Federico Guidi e la squadra che si sta preparando adeguatamente al campionato europeo di categoria. 

ITALIA-SPAGNA​ 3-0

ITALIA: Carnesecchi; Bellanova; Esposito (65’ Fagioli); Corbo; Bettella; Gavioli (77’ Zennaro); Piccoli (65’ Petrelli); Merola (53’ Vignato); Candela; Portanova; Riccardi (53’ Salcedo). A disp. Russo, Rizzo, Armini, Sportelli, Mezzoni, De Angelis. All. Federico Guidi

SPAGNA: Calvo (45’ Munoz); Sendra (75’ Pajuelo); Garcia; Segovia (46’ Casamichana); Lopez (65’ Pampin); Conde; Sanmartin (65’ Gomez); Perez (65’ Park); Barragan (46’ Casas Marin); Gomez (75’ Medina Pacheco); MoukhlissAgmir

Arbitro: Mele di Nola (Piedilumbo di Torre Annunziata e Campogrande di Roma)

Reti: 26’ Esposito; 77’ Zennaro; 92’ Petrelli

Note: terreno in discrete condizioni; spettatori 2000 circa; angoli 4-3 per la Spagna; ammoniti Sanmartin e Perea; recupero 2’ e 4’

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento