Dove mangiare un ottimo panino a Caserta

Il panino farcito è uno dei piatti più consumati in Italia: veloce, pratico e presente in diverse varietà. La sua storia è antichissima e tutta italiana.

Comunemente chiamato filoncino, rosetta o michetta, biova, biovetta, bocconcino e spaccatella, a seconda delle varie parlate regionali, il panino è uno dei cibi della gastronomia italiana sicuramente tra i più appetitosi, veloci e pratici da preparare. Pochi però conoscono le sue antichissime origini e tutte italiane.

La storia del panino

I latini della Roma Imperiale, infatti,  già mangiavano il Panis ac perna, ossia pane e prosciutto. Nei luoghi dei mercati urbani sorgevano i primi salumai, dediti alla vendita dei panini imbottiti; tanto è vero che, per via dell’affluenza e del consumo del prodotto, la stradina dedicata alla vendita di questa pietanza venne denominata Via Panisperna.

Le testimonianze del panino in senso moderno risalgono quindi ad epoca romana. È proprio dal panis ac perna, il primo panino ripieno della storia, che sarebbero derivati poi l’hamburger, il sandwich, il toast, le piadine e i tramezzini, panini diffusi e consumati, oggi, in ogni parte del mondo e farciti con diversi ingredienti.

Pane e companatico sono alimenti tra i più antichi della storia mondiale. Alcuni scavi archeologici nella zona est di Città del Messico hanno confermato che la produzione della tortilla, un impasto di farina di mais e acqua risalirebbe ad oltre 7000 anni fa, mentre il roti, un tipico pane asiatico a forma di cialda risalirebbe addirittura al 2000 a.C.

Alcuni consigli per la preparazione dei panini

Ma torniamo al panino imbottito. Questo prodotto può essere preparato in diversi modi e molti sono i libri di cucina e ricette che sono dedicati alla sua composizione. In Italia e soprattutto al Sud è famosissimo il panino alla piastra, cioè un panino farcito e poi tostato in modo da essere caldo e croccante. 

I panini sono vari e variano non soltanto dall’imbottitura che si utilizza ma anche dal tipo di panino che si impiega. Per panini dove sono presenti i sottaceti, infatti, vengono sconsigliati pani troppo ricchi di mollica, in quanto questa potrebbe impolparsi in modo eccessivo di olio e aceto rendendo il panino troppo unto o acido.

Per i panini freddi dove predominano salumi stagionati viene consigliato pane sciocco cioè insipido o comunque pane non troppo salato, in modo da dare il giusto rilievo al sapore del salume.

Per i panini nella cui imbottitura siano presenti salse come la maionese o salsa tonnata è preferibile un pane ricco di mollica in modo che la salsa non fuoriesca ma venga trattenuta da quest'ultima.

Per i panini che prevedono di essere riscaldati il pane ideale dovrebbe essere basso e poco lievitato, come schiacciate o ciabatte.

Paninoteche a Caserta

Di seguito un elenco con le varie paninoteche presenti a Caserta dove potreste gustare panini nelle più disparate varietà.

Bell e Buon, Piazza Cattaneo, 3 Caserta - Telefono: 339 188 3835

Michele La Cremeria - Paninoteca RistoSalumeria, Via degli Antichi Platani, 9/11 Caserta - Telefono: 0823 363128

Green House Toasteria CASERTA, Via Gian Battista Vico, 9 Caserta - Telefono: 0823 354302

Piuttosto Caserta,  Via Unità Italiana, 8 Caserta - Telefono: 0823 197 0175

Public House - Burger Gourmet, Via Raffaele Gasparri, 30 Caserta - Telefono: 0823 586821

Barbeq, Via Sant'Antonio da Padova, 50 Caserta - Telefono: 0823 197 1237

Il Baffone, Via Galileo Galilei, 24 Caserta - Telefono: 339 566 8457

Guggenheim, Via Camillo Golgi, 28 Caserta - Telefono: 333 316 5335

Shamrock, Corso Pietro Giannone, 140 Caserta - Telefono: 0823 176 6001

PAB, Via Sud Piazza d'Armi, 36 Caserta - Telefono: 0823 197 0349

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • Il convento delle suore finite sotto indagine diventa proprietà del Comune

Torna su
CasertaNews è in caricamento