L'oro bianco di Caserta: ecco la storia della mozzarella

Famosa in tutto il mondo per via del suo sapore unico, dato dall'utilizzo esclusivo di latte intero di bufalo mediterraneo, la mozzarella è simbolo della provincia e il souvenir più apprezzato per chi vive fuori e vuole gustare il sapore della nostra terra

Difficile resistergli, la mozzarella di bufala è uno dei piatti che non manca mai sulle tavole dei casertani. Da sola, con i pomodori o per accompagnare e farcire altre pietanze, è il prodotto caseario fatto semplicemente con latte fresco e intero di bufala di razza mediterranea, quella razza particolare presente in Campania, nella terra dei Mazzoni ossia a Castel Volturno e zone limitrofe. 

Per la sua materia prima, la mozzarella di bufala è definita la ‘regina della cucina’, ma anche ‘l’oro bianco’ o ‘la perla della tavola’ tanto che è l’unica mozzarella in commercio ad aver ottenuto il riconoscimento europeo della DOP (Denominazione di Origine Protetta).

Nel film Miseria e Nobiltà, Enzo Turco raccomanda a Totò di acquistare mezzo chilo di mozzarella di Aversa freschissima, e per assicurlo che sia quella originale, gli suggerisce di premerla con pollice e indice: "Se è con il latte te la pigli - continua - se no, desisti!". Le prime zone di produzione della mozzarella di bufala, infatti, furono Caserta e Aversa, i luoghi dove nacquero anche i primi caseifici dediti alla trasformazione del latte di bufala in mozzarelle, dispensate poi nei rispettivi mercati di Capua, Aversa e Salerno.

La storia della mozzarella di bufala campana

La prima testimonianza della ‘mozza’ - così era chiamata all’epoca, molto probabilmente per via dell’atto di mozzare la pasta filata con indice e pollice -, risale al Medioevo e a citarla per primo è Bartolomeo Sappi, cuoco della corte papale, nel suo libro di ricette. Dalla fonte veniamo a conoscenza che il latticino veniva dispensato come dono ai pellegrini dai monaci del monastero di San Lorenzo di Capua.

Un alimento davvero ricercato e famoso in tutto il mondo, sicché molti hanno provato a clonarlo senza risultato, la mozzarella di bufala inizialmente non fu un piatto molto apprezzato, forse per via della sua breve conservazione, ed è merito dei Borbone se il latticino è divenuto una vera e propria prelibatezza e simbolo della città di Caserta. Il re, infatti, presso la reale tenuta di Carditello, insediò un allevamento di bufale e fece costruire il primo e più grande caseificio della storia; ed è sempre grazie alla famiglia reale che la produzione si spostò anche nelle zone del salernitano, a Battipaglia, dove in un secondo momento è nata la sorella della mozzarella di bufala, meglio conosciuta come ‘zizzona’.

La genesi della mozzarella di bufala è in realtà discordante e legata alle popolazioni che penetrarono la Penisola: ci sono alcuni che fanno risalire la nascita della mozza all’introduzione delle bufale, credendo che l’animale non sia autoctono bensì importato dai Longobardi dopo le invasioni del VI secolo d.C., a differenza di chi ipotizza la loro presenza in Italia già in epoca pre-romana; mentre c’è chi sostiene l'origine indiana dell'animale, introdotto per la prima volta in Sicilia dagli Arabi, e successivamente in Campania durante il regno normanno.

La mozzarella simbolo di Caserta

L'allevamento di bufali, come abbiamo già detto, è stato da sempre concentrato nella zona di Castelvorturno, ed anche oggi è proprio lì che sorgono i più nemerosi caseifici che producono mozzarella di bufala campana, simbolo del patrimonio gastronomico della città, un po' come lo è la pizza per Napoli.

La mozzarella di bufala con il tempo si è sempre più identificata con la provincia di Caserta e soprattutto con l'Agro Aversano, territorio in cui sorgono i più numerosi stabilimenti di produzione di mozzarella di bufala e chiunque venga qui, attratto dal forte odore dei bufali, non se ne va via senza aver gustato il sapore del bocconcino, della mozzarella o della treccia di bufala! Assolutamente da provare, almeno una volta nella vita, quindi; anche se siamo dubbiosi su questa 'una tantum' perché succede sempre così: chi l'ha provata, la vuole riprovare e quando giunge in città per assaporarla, non se ne va mai a mani vuote! e torna a casa con un bel pacchetto famiglia, con dentro il più bel souvenir: l'oro bianco di Caserta. 

Caseifici - mozzarella di bufala campana DOP

Caseificio Ponte a Mare, Km 34.070, Via Domitiana, 81030 Castel Volturno CE - Telefono0823 851525

Caseificio Luise S.r.l., Via Domitiana, 193, 81030 Castel Volturno CE - Telefono0823 762040

Caseificio M. Schiavone, Via Nuova, 76, 81030 Castel Volturno CE - Telefono0823 764711

Caseificio Colonne, Via Domiziana, Km 33,700, 81030, 81034 Castel Volturno CE - Telefono0823 851302

Caseificio Santa Rita Di Fontana Salvatore, Via Milano, 1, 81030 Castel Volturno CE - Telefono081 509 4048

Caseifici Via Lattea, Via Domitiana, 117-121, 81030 Castel Volturno CE - Telefono0823 763618

Caseificio Marrandino, Via Pietro Pagliuca, 2, 81030 Castel Volturno CE - Telefono0823 761164

I.L.C. Mandara Srl, Via Domitiana, 529, 81030 Castel Volturno CE - Telefono0823 761754

Caseificio RICCARDO, Via Domitiana, Km. 37, 850, 81030 Castel Volturno CE - Telefono348 430 4137

Coop Soc Le Terre di Don Peppe Diana,  Via Pietro Pagliuca, 81030 Castel Volturno CE - Telefono327 460 7345

Caseificio La Regina Dei Mazzoni, Via Per Cappella Reale, 81030 Cancello ed Arnone CE - Telefono0823 859686

Caseificio Prati Del Volturno S.R.L., 1 Via Agnena, Cancello Ed Arnone, CE 81030 - Telefono0823 856575

Spinosa Spa, Viale Tirso, 23, 81030 Castel Volturno CE - 

Casaro del Re, Via Santa Maria Capua Vetere, 121, 81043 Capua CE - Telefono0823 620019

Fattorie Garofalo soc. coop. agricola,  Via Santa Maria Capua Vetere, 121, 81043 Capua CE - Telefono0823 620044

Oro Bianco S.r.l., Viale Carlo III di Borbone, 138, 81020 San Nicola La Strada CE - Telefono0823 457486

Antichi Sapori Mozzarella Di Bufala Dei Mazzoni, Via Enrico Fermi, 24, 81020 San Nicola La Strada CE

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento