Tre big della pizza napoletana premiano il 'Monfortino'

I due giovani pizzaioli casertani sono stati 'consacrati' dal gruppo delle 'Centenarie'

La consegna del riconoscimento ai titolari del 'Monfortino'

E’ stata una vera e propria consacrazione quella ricevuta dai pizzaioli Francesco Di Ceglie e Fabio Russo della pizzeria “Il Monfortino” di Caserta. Infatti, oggi, una delegazione dell’Unione Pizzerie Storiche Napoletane “Le Centenarie”, guidata dal Presidente Antonio Starita (Pizzeria Starita a Materdei), dal Segretario Alessandro Condurro (Antica Pizzeria da Michele) e da Giovanni Capasso (Antica Pizzeria Capasso a Porta San Gennaro) si è recata nell'accogliente locale di Caserta (sito in Via Giulia) e, dopo aver degustato le pizze della casa, hanno consegnato ai due giovani pizzaioli casertani un’antica stufaportapizze in rame, simbolo della tradizione, per la loro capacità di esaltare il gusto, i valori e le proprietà della vera pizza napoletana, anche fuori i confini della città di Napoli, diventando così “Ambasciatori” della pizza napoletana.  Presente anche il Presidente dell’Associazione Mani d’Oro Attilio Albachiara

Fondata nel 2017, l’Unione Pizzerie Storiche Napoletane “Le Centenarie” si pone l’obiettivo di mettere insieme la storia di quelle famiglie che da sempre si dedicano, con la loro attività, a divulgare e a difendere la vera pizza napoletana. Unendo la tradizione con l’identificazione del popolo partenopeo con uno dei suoi prodotti più famosi nel mondo: la Pizza. L’Unione raggruppa le 13 pizzerie partenopee che hanno superato o raggiunto il secolo di vita: Starita a Materdei;  Gorizia 1916;  L'Antica Pizzeria da Michele;  Lombardi a Via Foria;  Antica Pizzeria Capasso a Porta San Gennaro;  Antica Pizzeria Port'Alba;  Antica Pizzeria Ciro 1923;  Trianon 1923;  Mattozzi a Piazza Carità;  Ciro a Santa Brigida;  Pizzeria Cafasso a Fuorigrotta;  Pizzeria Gennaro a Secondigliano;  Ristorante Pizzeria Umberto 1916.

La nostra Associazione – dichiara il Presidente Antonio Starita - nasce con l’intento di rafforzare la visibilità di realtà storiche che da decenni fanno grandi numeri e sono da sempre luogo di formazione e preparazione per tante generazioni di bravi pizzaioli. Francesco Di Ceglie e Fabio Russo stanno dimostrando che anche lontano da Napoli è possibile difendere e promuovere  la vera pizza napoletana. Francesco e Fabio hanno compreso che la modalità di stesa della pizza, il fornaio e il forno a legna rappresentano un patrimonio del nostro mondo, che non possiamo e non dobbiamo disperdere. Anche se giovani e figli di una realtà che corre fin troppo velocemente e dimentica facilmente – conclude Starita - Di Ceglie e Russo meritano il nostro riconoscimento,  in quanto hanno dimostrato di comprendere che il presente esiste perché c’è stato un passato e che questo passato è sempre vivo e vivace”.

Le parole di un pilastro della tradizione partenopea come don Antonio Starita – aggiungono Francesco Di Ceglie e Fabio Russo della Pizzeria Il Monfortino - ci riempiono di orgoglio e rappresentano per noi uno sprono a mantenere sempre alti i valori della Pizza Napoletana che, non a caso, è patrimonio Unesco. Il riconoscimento che l'UPSN “Le Centenarie” ha inteso conferire alla nostra pizzeria premia i nostri sacrifici, ma, al tempo stesso, è uno stimolo a mantenere sempre standard in linea con i dettami della tradizione, perché per guardare meglio al futuro bisogna sempre aver in mente il passato, con la sua storia e le sue tradizioni”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento