Chiude la sede storica di 'Cenerentola'

Il negozio avrà una nuova location, segno dei tempi che cambiano

Il negozio Cenerentola chiuso a Caserta

Ci sono persone e luoghi che fanno parte della quotidianità di ognuno di noi. Quasi come delle certezze nella nostra vita, che travalicano i confini familiari. E quando li 'perdi' capisci che il mondo intorno a te sta cambiando.

Così i casertani hanno appreso oggi della chiusura della sede storica di Cenerentola in piazza Mercato: un cartello affisso fuori al negozio di scarpe annuncia il trasferimento in via Crispo, sotto un altro nome. Accanto c'è anche il cartello "Affittasi" a certificare il tutto. Dopo oltre 50 anni, il negozio resterà chiuso.

Segno, appunto, dei tempi che cambiano e, forse, anche una conferma del decadimento del commercio nel Capoluogo. Si è iniziato da corso Trieste, ora si continua in piazza Mercato, che rappresentavano, fino a pochi anni fa, i due 'poli commerciali' di Caserta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E la paura è che ci sia una seria difficoltà ad invertire la rotta. Con tutte le conseguenze che esso comporta. Un Capoluogo che si va spegnendo e che non riflette più di luce propria come avveniva fino a pochi anni fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento