Caserta protagonista su Rai1 nel segno di Vanvitelli

"Paese che vai" dedica una puntata a Terra di Lavoro dalla Reggia a San Leucio

La Reggia di Caserta

Un percorso nel segno di Luigi Vanvitelli. E' quello immortalato dalle telecamere di "Paese che vai" che ha dedicato una puntata a Caserta che andrà in onda domenica 24 maggio, alle 9,40 su Rai1.

Un viaggio nel cuore di quella regione che Plinio il Vecchio ribattezzò "Campania Felix", dove in epoca etrusca nacque una la città di "Calatia", e solo successivamente venne ribattezzata "Caserta". Una città nota in tutto il mondo grazie all'imponente Reggia borbonica, che, insieme al Belvedere Reale di San Leucio e all'Acquedotto Carolino, è stata inserita, nel 1997, nella lista del Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parte dall'edificio simbolo: la Reggia di Caserta. Una residenza composta da 1.200 stanze, 1742 finestre e un Parco di oltre 120 ettari. Un Parco Reale attraversato da un viale lungo oltre 3 chilometri e intervallato da fontane, vasche e cascate artificiali, in una successione che sembra perdersi nell'infinito. Nei giardini e tra le mura della Reggia, i telespettatori "incontreranno" Carlo e Luigi Vanvitelli, Maria Amalia, Re Ferdinando e molti altri personaggi dell'epoca. Si scopriranno, poi, alcuni aneddoti legati alla nascita dell'Acquedotto Carolino e ci si spingerà fino a Bacoli per ammirare da vicino la bellissima e suggestiva Casina Vanvitelliana. Oltre a queste opere d'arte, si potrà ammirare anche la magnificenza del Complesso monumentale di San Leucio, che nasconde una storia davvero unica. Lungo il racconto, si conoscerà anche una delle eccellenze di questo territorio: la mozzarella di bufala. Il prestigioso "Oro bianco della Campania", che, nel 1996, ha ottenuto il riconoscimento D.O.P. E non mancherà, nella rubrica Naturosa, uno sguardo alla evocativa e misteriosa Costiera Cilentana, dove ancora oggi si possono lanciare al galoppo sfrenato, sulle lunghissime spiagge, i cavalli tanto cari al Re Borbone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento