Capua diventa 'set' per la nuova fiction che andrà in onda su Rai1

Martedì inizieranno le riprese de 'Il commissario Ricciardi'. Il sindaco entusiasta

Capua farà da scenario per una nuova produzione della Rai. La città è stata scelta dalla società di produzione Clemart per girare le riprese de "Il commissario Ricciardi", una nuova fiction che andrà in onda nel 2020 sulla rete ammiraglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È una notizia che avrei voluto darvi già da tempo ma ho atteso l'ufficialità. Sono orgoglioso e soprattutto felicissimo di comunicarla" ha affermato il sindaco Luca Branco. "La fiction è ambientata negli anni '30 ed è soprattutto per questo motivo che la casa di produzione ha scelto la nostra città per la bellezza dei palazzi storici e di alcune strade" aggiunge il primo cittadino, che poi ringrazia "i proprietari dei palazzi Friozzi e Giugnano per l'infinita disponibilità e gentilezza con la quale hanno accolto i rappresentanti della produzione televisiva. Le riprese dovrebbero partire il 5 novembre e siamo certi che i cittadini sapranno accogliere con calore e disponibilità questo importante evento, comprendendo pienamente tutto ciò che lo stesso comporta soprattutto in alcune difficoltà di carattere logistico". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

Torna su
CasertaNews è in caricamento