"Locali non sicuri", scuole chiuse elementari e materna

La disposizione del sindaco dopo un sopralluogo

Il sindaco di Succivo Gianni Colella

Scuola Materna e Scuola Elementare di Succivo chiuse dall'amministrazione comunale: "I locali non sono sicuri". Per motivi di sicurezza il sindaco Gianni Colella ha disposto la chiusura del 1°, del 2° e del 3° Padiglione dell'Istituto "De Amicis" di Succivo.

Il primo cittadino infatti, a seguito del sopralluongo effettuato questa mattina dai tecnici comunali, tecnici della scuola, il Dirigente e gli Amministratori, ha notato che non c'erano tutte le condizioni per la sicurezza dei bambini e dei ragazzi della scuola elementare.

Durante il sopralluogo sono emerse alcune lesioni al 2° padiglione, ma in via cautelativa e preventiva si è deciso di chiudere anche gli altri due padiglioni al fine di permettere tutte le verifiche di staticità ed eventuali interventi da effettuare approfittando anche del lungo ponte che si estenderà fino al 2 Maggio.

Le verifiche, ed eventualmente i lavori, dureranno quindi fino a maggio (e forse oltre) e per questo motivo è stato dato mandato al Dirigente scolastico di avviare una turnazione, oltre che una rotazione di tutte le scuole. E' ora quindi compito del Dirigente cercare di trovare una soluzione, anche per tutelare tutti gli studenti.

Potrebbe interessarti

  • Invasioni di formiche? Ecco alcuni consigli per eliminarle

  • Clownterapia a Caserta: la missione degli 'angeli' dei bambini travestiti da clown

  • Sì alla detox, ma non d'estate. L'esperta: "Vi spiego perché"

  • Piscine interrate: tipologie e costi

I più letti della settimana

  • Via libera ai tutor, partono le multe per gli automobilisti

  • L'abbraccio col papà, il bacio a Carolina: Alfonso Golia si scioglie per la vittoria I FOTO

  • Sequestrati 70 chili di cozze: maxi multa per 4

  • Ufficiale il nuovo consiglio comunale: tutti gli eletti di Aversa

  • Tribunale "sgomberato" per l'arrivo del boss dei Mazzacane

  • Ucciso per errore dalla camorra: Salvini blocca il risarcimento ai familiari

Torna su
CasertaNews è in caricamento