Rappresentanze dei centri di riabilitazione incontrano commissario Gambacorta

Caserta - In data 19/11/2009 presso la sede dell'ASL Caserta, il Commissario straordinario dott. Antonio Gambacorta ha ricevuto le sottoscritte associazioni di categoria, rappresentative degli operatori sanitari privati della macroarea assistenza...

In data 19/11/2009 presso la sede dell'ASL Caserta, il Commissario straordinario dott. Antonio Gambacorta ha ricevuto le sottoscritte associazioni di categoria, rappresentative degli operatori sanitari privati della macroarea assistenza riabilitativa, al fine di proporre e valutare suggerimenti utili al superamento della forzata cessazione della erogazione delle prestazioni da parte dei centri in p.a., comunicata con provvedimenti aziendali per l'esaurimento dei budget al 18/11/2009 .

In sintesi , le associazioni di categoria rendono noto:
che è stata ribadita la cessazione forzata al 18/11/2009 della erogazione delle prestazioni in ossequio alla nota del 5/11/2009 a firma del Sub Commissario governativo Prof. Zuccatelli, ove si precisava che "le prestazioni extra budget non saranno in alcun caso remunerate a carico del SSR";
che recepiscono con favore l'ipotesi di differimento dei termini di decorrenza dei contratti terapeutici con remunerazione a carico del SSR, rilasciati agli assistiti a partire dalla data di comunicazione dell'esaurimento delle risorse finanziarie e fino al 1 gennaio 2010. Tale procedura potrà assicurare il diritto del paziente al trattamento terapeutico residuo a partire dal nuovo anno senza la reiterazione dell'iter amministrativo sanitario previsto;
che a seguito della DGRC 1712 del 13/11/2009 che ha disposto "Istituzione del fondo per accordi integrativi per l'esercizio 2009 con le strutture private per assicurare la continuità delle prestazioni rese ai pazienti in condizione di non autosufficienza e con alto bisogno assistenziale", l'ASL Caserta deve assicurare la continuità delle prestazioni fino al 31/12/2009 ai pazienti verso cui è rivolto il provvedimento sopra richiamato con la preventiva individuazione di precise classi di patologie che vi rientrino;
che tale metodologia di individuazione del bisogno non può in alcun modo, come proposto dal Commissario, essere applicata esclusivamente agli assistiti residenti dell'ASL Caserta, in quanto si introdurrebbe un meccanismo discriminatorio incompatibile con i principi dell'attuale sistema sanitario pubblico;
che, ad ogni buon conto, reiterano la disponibilità dei Centri di riabilitazione a completare le prestazioni in corso di erogazione ai pazienti già in carico, mediante la stipula di specifici contratti integrativi ad hoc liberamente determinati tra parte pubblica e privata per ciò che riguarda le ulteriori prestazioni ed i relativi prezzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

  • Il coronavirus infrange il sogno di 2 casertani: salta il matrimonio

Torna su
CasertaNews è in caricamento