UN MITO DA SFATARE: IL CIOCCOLATO NON PROVOCA LACNE

(Roma) Un falso mito duro a morire: il cioccolato causa l'acne. E' ciò che pensano sette ragazzi su dieci e invece numerosi studi indicano che non c'è un legame diretto tra questo piacere del palato e i brufoli. Tra le voci più autorevoli c'è il...

(Roma) Un falso mito duro a morire: il cioccolato causa l'acne. E' ciò che pensano sette ragazzi su dieci e invece numerosi studi indicano che non c'è un legame diretto tra questo piacere del palato e i brufoli. Tra le voci più autorevoli c'è il Journal of the American Medical Association (JAMA), che in una recente ricerca afferma chiaramente che "l'acne non è causata dall'ingestione di particolare cibi come il cioccolato", e un'analisi del Centro Controllo e Prevenzione delle malattie (Cdc) di Atlanta. E proprio questo è il tema del Primo Simposio Nazionale promosso dall'Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani (ADOI) in occasione di Eurochocolate (Perugia 16-25 Ottobre). L'incontro, aperto al pubblico, si terrà lunedì 20 a partire dalle 15 presso il Centro Congressi Hotel Giò, 'Jazz Area'; i responsabili scientifici dell'appuntamento sono i dermatologi Stefano Simonetti e Gian Marco Tomassini (Azienda ospedaliera di Perugia). Si tratta di una 'dolce' anteprima del congresso nazionale Adoi, che si tiene quest'anno a Venezia dal 4 al 7 novembre.
"L'acne è certamente la malattia della pelle più comune tra gli adolescenti. Ne sono colpiti dal 70% all'87% ma può interessare talora anche individui adulti.-spiega Patrizio Mulas, Presidente ADOI- Numerosi sono i fattori coinvolti nella genesi delle lesioni cutanee:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
dall'ipersecrezione sebacea alla cheratinizzazione infundibolare, dall'attività della flora microbica degli infundibuli pilari all'azione di altri agenti dell'infiammazione follicolare". Tuttavia, altre condizioni non possono essere trascurate e consistono in aspetti genetici e autoinfiammatori, fumo di sigaretta, stress. "In particolare, per quello che riguarda i rapporti tra cibi e acne, bisogna sottolineare che, mentre un gran numero di ragazzi (dal 62% al 72 %) crede che la dieta possa contribuire alla realizzazione della dermopatia, i ricercatori scientifici ritengono invece che il suo ruolo sia assai modesto o nullo", precisa Tomassini. I primi lavori scientifici che hanno tentato di capire se esiste davvero un nesso causale tra il cioccolato e la comparsa dell'acne risalgono agli anni '60 e '70 del secolo scorso e hanno documentato che cioccolato e noccioline non causano di certo un peggioramento dell'acne. "Studi però criticati per la loro strutturazione e per il breve periodo di osservazione clinica longitudinale dei pazienti –sottolinea Simonetti- Dopo un periodo di disinteresse scientifico al riguardo, solo in anni recenti si è ridestato l'interesse di alcuni studiosi sull'argomento. Alcune indagini recenti non hanno confermato un ruolo causale certo del consumo di cioccolato, e, in attesa di altri studi clinici più rigorosi, il discorso è ancora aperto".
Nel corso del Simposio 'Acne e Cioccolato' gli specialisti ADOI parleranno delle caratteristiche chimiche del cioccolato e della sua attività sulla pelle, degli aspetti clinici e dell'etiopatogenesi dell'acne, per poi passare al rapporto tra questa 'dermopatia' e il cibo, in particolare con il cioccolato, il fumo, il sole, gli aspetti cosmetologici e la terapia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, contagiata una 16enne. Scuole chiuse: “Proroga inevitabile”

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus. Nuovi positivi a Capua, Francolise e Pietramelara

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

Torna su
CasertaNews è in caricamento