Emergenza Educativa Convegno Centro La Pira

Pomigliano d'Arco - Nel pomeriggio di sabato 4 aprile presso il Centro Giorgio La Pira di Pomigliano D'Arco diretto da Gaetano Pugliese si è tenuto, dalle 16.30 alle 20.00 un lungo, intenso, partecipato ed assai produttivo convegno regionale su...

20090406072736_Preziosi

Nel pomeriggio di sabato 4 aprile presso il Centro Giorgio La Pira di Pomigliano D'Arco diretto da Gaetano Pugliese si è tenuto, dalle 16.30 alle 20.00 un lungo, intenso, partecipato ed assai produttivo convegno regionale su "Rete di idee e progetti. Emergenza educativa e servizio culturale" con relatore principale il dott. Ernesto Preziosi dell'Università Cattolica di Milano, introdotto dalla dottoressa Maria Iossa del Gruppo Operatori Culturali e responsabile del settore di scambi con l'estero.
Il Comune di Brusciano, guidato dal dott. Angelo Antonio Romano, è stato presente con la partecipazione del Vicesindaco ed Assessore all'Igiene e Sanità, dott. Vincenzo Cerciello. Nella numerosa platea di invitati e partecipanti anche con contributi di parola, riflessioni e testimonianze, il dott. Mimmo De Cicco, medico del 118 e socio del "La Pira"; il dott. Giovanni Varchetta: anch'egli della Sanità Pubblica ed operatore culturale del centro "La Pira; il sociologo Antonio Castaldo, dell'Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali, IESUS; l'economista dott.ssa Maria Grazia Marino, responsabile della biblioteca "I Care"; il professore Antonio Gaita con i ragazzi di un originale progetto di counselling ; l'operatore culturale salesiano Angelo Del Vecchio da Napoli; il professore Ciro Mercogliano e l'avvocato Enzo Salvati da Brusciano; il delegato diocesano di Napoli, Michele Cacace; il rappresentante dell'Associazione "1799" di Pomigliano d'Arco: il fisioterapista AIMI, Peppe Borro; la pedagogista, ex dirigente scolastica "di frontiera", professoressa Maria Tufano. Giovanna De Falco studentessa dell'Università di Napoli, "Federico II", ma futura economista da specializzarsi in quella del "Sacro Cuore" per i positivi valori testimoniati; infine il timido cantautore in erba, Francesco, ad invitare tutti, con le parole e la musica di Eduardo Bennato, a non stancarsi nella ricerca di "un'isola che non c'è".
Il dott. Ernesto Preziosi richiamando la storia della Chiesa, il Concilio Vaticano II, la funzione del laicato, il rapporto della fede coi fatti della vita, il ruolo della cultura, la trasformazione del mondo e della civiltà parrocchiale ha auspicato "il risveglio di un laicato consapevole forte della fede vissuta, nella luce che dà la speranza la speranza di chi crede".
Il Vicesindaco, dott. Vincenzo Cerciello, nel suo saluto ha espresso "vivo apprezzamento per l'operato del Centro "Giorgio la Pira", a favore dei giovani e delle famiglie dell'intera zona -e continuando la sua riflessione ha poi affermato- in qualità di genitore e di amministratore, la preoccupazione per l'efficacia del percorso educativo, formativo e culturale che l'attuale società offre ai nostri ragazzi. La famiglia, lo Stato, la scuola, la Chiesa, le associazioni ed i mas media hanno un ruolo fondamentale nel riscoprire e riattualizzare quei valori universali dai quali troppo spesso i giovani, certamente non per colpa loro, inesorabilmente si allontanano. A Brusciano -ha concluso il Vicesindaco- siamo impegnati costantemente nella promozione e diffusione della cultura sul nostro territorio, come dimostrano le tante iniziative fin qui realizzate, con il coinvolgimento di scuole, associazioni e Chiesa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento