Donati 4 defibrillatori al Comune di Caserta

La consegna da parte di Publiservizi

Elena Natale ed il sindaco Carlo Marino

Nella sala giunta del Comune di Caserta, alla presenza del sindaco Carlo Marino, del vice sindaco Franco De Michele e dell’assessore Emiliano Casale, si è svolto un incontro durante il quale la società Publiservizi, rappresentata dal direttore generale, Elena Natale, ha consegnato alla città di Caserta quattro defibrillatori ed una mappa della Città con l’indicazione dei punti cardioprotetti.

Il defibrillatore è un dispositivo medicale salvavita che analizza il ritmo cardiaco e, se necessario, comunica all’operatore la possibilità di erogare una scarica elettrica di intensità preimpostata dal dispositivo stesso. La scarica, sprigionata attraverso gli elettrodi applicati sul torace del paziente, blocca l’attività anormale del cuore, ripristinando il regolare battito cardiaco.

"Ogni anno in Italia - ha esordito la Dott.ssa Natale - muoiono a causa di arresto cardiaco moltissime persone: incidenti angosciosi e molto spesso imprevedibili, che talvolta riguardano anche campioni sportivi, simboli di salute e prestanza fisica. Eppure, anche nei casi più terribili, un pronto intervento effettuato entro poco tempo dall’arresto cardiaco aumenta esponenzialmente la probabilità di salvare la vittima senza danni cerebrali. In qualità di impresa fortemente legata al territorio, Publiservizi intende contribuire a migliorare la sicurezza e la salute dei cittadini: i dispositivi consegnati alla comunità di Caserta rappresentano infatti degli strumenti indispensabili per tutelare la vita di tutti. Publuservizi si farà inoltre carico delle spese per i corsi di formazione attraverso cui gli operatori designati riceveranno le informazioni necessarie al corretto utilizzo dei dispositivi".

"Grazie all’iniziativa di Publiservizi - ha proseguito il Sindaco Marino - e di qualche altra realtà oggi Caserta si pone come punto di riferimento nazionale nell’ambito della cardioprotezione. Fa estremamente piacere constatare quanto un operatore locale, che ormai ha raggiunto rilevanza nazionale, come appunto Publiservizi, mostri tanta sensibilità su un tema così delicato: iniziative del genere infatti sono fondamentali nella percezione di tutela della popolazione. Dalla mappa si rileva che questi dispositivi medicali salvavita sono stati collocati nei punti nevralgici della città: se, con tutto questo impegno, ci fosse anche solo una vita salvata grazie ai defibrillatori sarebbe comunque un risultato eccezionale".

All’evento ha partecipato anche Angelo Cardillo, medico cardiologo membro dell’Associazione Amici del Cuore che si è detto "sollevato per l’importanza che oggi le istituzioni, i cittadini e anche gli operatori economici danno al tema del primo soccorso in caso di attacchi cardiaci, purtroppo sempre più frequenti nella nostra società. Secondo i dati in nostro possesso gli eventi cardiaci accadono nella stragrande maggioranza dei casi quando la vittima è in compagnia di altre persone: accrescere il numero di persone in grado di eseguire le manovre di primo soccorso aumenta esponenzialmente anche le possibilità di salvare vite"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento