Regionali 2020. Zinzi e la Lega sempre più vicini. L’intesa può essere ‘ufficializzata’ da Salvini

Dialogo sempre più fitto negli ultimi giorni, l’adesione potrebbe arrivare nella tappa Campania del leader della Lega. Ma a Caserta c’è subbuglio nella base. Dubbi anche sul futuro di Mastroianni

Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi

Gianpiero Zinzi cambia. E stavolta non c’entra ‘Cambiamo’, il movimento creato dal presidente della Liguria Giovanni Toti nella scorsa estate quando la rottura al governo tra Matteo Salvini ed il Movimento 5 Stelle sembrava portare dritti dritti a nuove elezioni. Stavolta Zinzi cambia davvero e si appresta a diventare un nuovo iscritto nella Lega, con la chance di giocarsi le proprie carte alle elezioni regionali in Campania. Del passaggio del consigliere regionale di Caserta nel partito di Salvini si è parlato da tempo, ma negli ultimi giorni i contatti sembrano essere diventato sempre più fitti. Al punto che in molti lo danno già per fatto. In realtà, il crisma dell’ufficialità, ancora non c’è stato ed il motivo è semplice ed è legato alle reazioni che ci sono state, nelle ultime ore, nella base casertana guidata dal segretario provinciale Salvatore Mastroianni. Che era contraria, e lo è ancora, all’arrivo di Zinzi nella Lega sia per pregressi divisioni politiche (per usare un eufemismo…) ed anche perché pensava di giocarsi una partita elettorale che, effettivamente, con l’arrivo di Zinzi si fa più ardua (soprattutto in caso di sconfitta del centrodestra contro Vincenzo De Luca). Ma se da Roma hanno spinto per chiudere l’operazione, vuol dire che, forse, qualche calcolo elettorale sulla lista e sui possibili risultati elettorali sarà stato fatto. Anche perché Zinzi porterà con sé anche un bel gruppetto di amministratori (almeno una sessantina) che, pur non aderendo da subito alla Lega, potranno contribuire a raccogliere voti e consensi in provincia di Caserta. Ed è anche questo l’aspetto che avrà convinto a dare il via libera definitivo all’operazione, in attesa di capire cosa sarà di Mastroianni e di coloro che oggi sono in subbuglio. L’operazione di Zinzi potrebbe essere battezzata direttamente da Matteo Salvini, atteso in Campania per il prossimo 5 giugno (ma l’appuntamento non è ancora stato confermato). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

Torna su
CasertaNews è in caricamento