ELEZIONI Sinistra Italiana: "Ecco perché non abbiamo presentato la lista"

Stoccate ai due candidati sindaci ed anche all'uscente Russo

Maurizio Fabiani e Dimitri Russo

"È tempo che Sinistra Italiana Castel Volturno, informi i suoi elettori, simpatizzanti e tutti i cittadini sulle motivazioni, circa la scelta di non prendere parte alle prossime amministrative del 26 maggio 2019". Ad una settimana dalla presentazione delle liste, il gruppo capeggiato da Maurizio Fabiani spiega i motivi che hanno spinto il partito a tirarsi fuori dalla competizione elettorale. 

"Una decisione dolorosa - afferma - che racchiude in sé, non solo le vicende degli ultimi mesi, ma conclude un’esperienza amministrativa, che solo per durata, rappresenta storicamente un successo, oltre ad aver gettato le fondamenta per progetti e conquiste di riscatto sociale. Sinistra italiana non parteciperà alle imminenti elezioni amministrative ma continuerà a lavorare per il bene comune della città; questo è stato il nostro obiettivo nel corso del mandato e questo resterà sicuramente per il futuro".

"Sin dall'inizio siamo stati leali, abbiamo lavorato consapevoli della nostra forza, portando nelle discussioni il nostro punto di vista ed anche quando non si era d'accordo, abbiamo dimostrato massima responsabilità nelle scelte" commenta il segretario cittadino. "Fin dai primi giorni, in cui le singole forze di governo hanno avviato insieme le prime discussioni sulle prossime elezioni, chiara e netta è stata la posizione di Sinistra Italiana e dei suoi rappresentanti: per poter battere la destra, occorreva che la maggioranza, che ha governato la città in questi cinque anni, restasse saldamente unita allargando il suo progetto ad altre forze civiche, politiche e individuali. Nulla di tutto ciò è accaduto: le buone pratiche messe in campo, i progetti redatti presenti e futuri, i finanziamenti attesi, l'impegno costante degli amministratori, per legittima ma non condivisa ambizione delle parti potrebbe vanificare, causa una profonda miopia elettorale, tutto quanto di buono è stato fatto, attraverso un lavoro lungo e tenace. I nostri reiterati appelli all’unità sono rimasti, senza adeguate giustificazioni politiche, largamente inascoltati. Nicola Oliva e Peppe Scialla, hanno deciso di correre separatamente, spianando la strada alla peggiore destra".

Non manca un passaggio sul sindaco uscente Dimitri Russo "che abbiamo lealmente sostenuto, va il ringraziamento per il lavoro svolto ma anche una decisa critica sulla scelta di non ripresentarsi alla valutazione democratica dell'elettorato, si poteva e si doveva seguire l'esempio di Renato Natale a Casal di Principe, per proseguire con orgoglio il percorso di risanamento che con enormi sforzi è stato avviato".

Potrebbe interessarti

  • Un casertano ai mondiali dei parrucchieri a Parigi

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Cattivi odori dal bidone della spazzatura? Ecco come pulirlo e igienizzarlo

I più letti della settimana

  • Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Colpo da 'Zara', fermata dai carabinieri con mille euro in vestiti

  • Trovato morto dalla moglie sotto il porticato di casa

  • Arrestato il cassiere dei Casalesi: smantellato il business dei cartelloni pubblicitari

  • Lutto a Caserta, muore avvocato

Torna su
CasertaNews è in caricamento