Assessore si dimette, il sindaco apre al 'mini rimpasto'

Dopo appena 6 mesi Villano mette mano alla giunta

Il sindaco di Orta Andrea Villano

“Niente azzeramento di giunta, solo un mini rimpasto”: il sindaco di Orta di Atella, Andrea Villano, allontana le voci di un azzeramento dell’esecutivo e anzi annuncia che il vicesindaco Peppe Roseto e l’assessore Luigi Di Lorenzo “saranno sicuramente riconfermati”.

Quindi Villano riparte da un suo fedelissimo come Peppe Roseto, per buona pace di chi invece lo voleva fuori dall’esecutivo, e dall’assessore alle Politiche sociali, Di Lorenzo, in quota Noi Ortesi. Questi due sono stati riconfermati dopo aver rimesso le deleghe lo scorso venerdì, mentre resta ancora in stand by la posizione di Caterina Torromacco di Campania Libera ma anche quella di Luigi Macchia, delegato all’Urbanistica in quota ‘Scegli Orta’.

A fare chiarezza è il primo cittadino: “La scorsa settimana ha chiesto una riunione a tutti gli assessori e a tutti ho annunciato che sarebbe partita una verifica della loro attività. Ed ho anche chiesto a tutti loro di dare anima e corpo a questo progetto politico perché Orta di Atella con 30mila abitanti non può permettersi di avere delegati presenti mezz’ora a settimana in Municipio”.

In quell’occasione tutti hanno rimesso le deleghe ma solamente la Zagaria stamattina ha protocollato le dimissioni “perché probabilmente ha voluto dare priorità alle sue attività professionali e personali. La ringrazio vivamente per quanto fatto in questi mesi”. Delicata pure la vicenda dell’assessore Luigi Macchia: “Ha avuto un incarico a Latina e probabilmente non riuscirà a garantire il massimo impegno che ho richiesto agli assessori. E’ stato scelto qualche mese fa per avviare la convenzione con l’Università per il Puc. Ora potrebbe lavorare anche da ‘esterno’ alla giunta in qualità di tecnico”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento