Il sindaco Velardi si è dimesso

Il primo cittadino non ha aspettato il voto sulla sfiducia in Consiglio

Il sindaco Antonello Velardi

Non ha aspettato il voto sulla sfiducia in programma il prossimo 14 ottobre in consiglio comunale. Il sindaco di Marcianise Antonello Velardi ha rassegnato questo mattina le sue dimissioni, inviando una comunicazione al Segretario generale e, per conoscenza, al presidente del Consiglio comunale.

Una scelta che fa seguito alle dimissioni in blocco dei suoi assessori. In un post sul suo Diario il sindaco spiega quindi i motivi alla base della scelta: “Ho deciso di dimettermi - scrive Velardi - dopo la mozione di sfiducia presentata da tutti i consiglieri comunali di opposizione e da cinque consiglieri di maggioranza, eletti con la mia coalizione. Nel documento mi viene contestata l'attività amministrativa fin qui svolta. Di tale mozione si discuterà nel prossimo consiglio comunale, convocato per lunedì 14 ottobre. Ringrazio molto tutti gli assessori che mi hanno supportato egregiamente in questi tre anni di attività e che, con me, hanno operato con il solo obiettivo di favorire la crescita della città. Ringrazio i consiglieri comunali, quelli che non mi hanno mai voluto far mancare il loro sostegno. Ringrazio i dipendenti del Comune di Marcianise, che ho sottoposto a molti stress per i miei ritmi di lavoro infernali. E ringrazio tutti i cittadini che mi hanno espresso il loro apprezzamento: sono stati splendidi Mi scuso con tutti per le molte cose che non sono riuscito a realizzare, ma posso assicurare di averci sempre provato. Ritengo di aver fatto molto, in questi tre anni, con tutti i limiti che mi riconosco: ma non sono un robot, sono semplicemente una persona. Chiedo perciò almeno di giustificarmi, non di assolvermi. Marcianise ha giustificato tutti quelli che negli anni l'hanno fatta precipitare nel baratro dove l'ho trovata: chiedo ora di essere giustificato io per non essere stato un robot e non aver risolto improvvisamente e completamente tutti i problemi della città, con la bacchetta magica. Credo di non chiedere molto. Io ce l'ho messa tutta e sono orgoglioso di aver agito solo nell'interesse della città e solo ascoltando la mia coscienza. Finalmente potrò tirare il fiato e cercare un po' di riposo: la vita per me era diventata un inferno. Un caro saluto a tutti”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento