Tre consiglieri danno forfait al secondo 'vertice del Principino'

Il gruppo 'Democratici per Caserta' non si presenta, come l'assessore Corvino. Sul tavolo la necessità di affrontare anche i temi "meno pesanti" e la maggioranza responsabilizzazione di consiglieri ed assessori

Solo quattro assessori e nove consiglieri comunali hanno partecipato al secondo ‘vertice del Principino’ convocato per mercoledì sera al Belvedere per cercare di trovare la quadratura in una maggioranza troppo nervosa nelle ultime settimane.

Alla ‘convocazione’ hanno risposto solo alcuni esponenti dell’esecutivo di Caserta guidato da Carlo Marino (che non era invitato): Tiziana Petrillo, Emiliano Casale, Franco De Michele ed Alessandro Pontillo, mentre ha preferito non presentarsi Mariella Corvino, l’assessore finito nell’occhio del ciclone nel corso delle ultime settimane per sua guerra a colpi di documenti ufficiali col dirigente Marcello Iovino. Tra i consiglieri erano presenti invece Michele De Florio, Andrea Boccagna, Matteo Donisi ed Antonio Ciontoli del Pd, Gianluca Iannucci, Mario Russo, Antonio Di Lella, Donato Tenga e Mimmo Guida. Assenti, invece, i tre consiglieri comunali di Democratici per Caserta (Mazzarella, Maietta e Gentile) che da qualche settimana sono ai ferri corti con Marino in attesa del cambio in giunta, richiesto da tempo ma non ancora realizzato.

Nel corso della riunione si è discusso della necessità di dover dare uno slancio al lavoro dell’amministrazione comunale e, soprattutto, quello di responsabilizzare sia i consiglieri comunali che gli assessori per poter dare risposte alle esigenze della cittadinanza. Un modo per sottolineare anche la necessità, da parte del sindaco Marino, di dover 'aprire' al lavoro dei suoi pezzi di maggioranza, senza accentrare tutto nelle sue mani.

Il nodo è anche comunicativo: si sente in maggioranza la necessità di mostrare all’esterno il lavoro che si sta facendo, ancora poco ‘tangibile’ ma di prospettiva, soprattutto per quel che riguarda i finanziamenti che dovrebbero arrivare dalla Regione Campania, in particolare per le strade. Inoltre è stato posto (di nuovo) l’accento sulla necessità di dare risposte ad esigenze di “minor peso” ma che comunque sono importanti per i cittadini: dal taglio dell’erba nelle aree verdi al funzionamento della pubblica illuminazione. Non si è parlato, invece, del rimpasto in giunta che è probabile diventerà centro di attenzione solo nel periodo estivo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

Torna su
CasertaNews è in caricamento