Il Pd esce allo scoperto: "Via i generali e votiamo il bilancio"

Documento dei democrat dopo l'accordo trovato prima del consiglio comunale. "Attendiamo il bilancio di previsione"

Il sindaco Velardi col gruppo del Pd

Il Partito democratico di Marcianise decide di uscire allo scoperto con un nuovo documento col quale chiarisce i motivi per cui si sta allineando nuovamente alla maggioranza guidata dal sindaco Antonello Velardi. Una decisione arrivata dopo due mesi di trattative serrate, ricche anche di tensioni, dove alla fine ha prevalso la voglia di non interrompere l’amministrazione comunale a metà mandato. I consiglieri Pd, presenti in aula, hanno scelto di seguire il resto della maggioranza, votando per rinvio di tutti i punti all’ordine del giorno, aspettando adesso in una rimodulazione del bilancio secondo quanto promesso: via i ‘generali’ (intesi come i comandati ed i super esperti) ed azzeramento dell’aumento della Iuc. Se questo avverrà, il Pd voterà il bilancio di previsione e Velardi potrà continuare a governare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL DOCUMENTO DEL PD. “Da circa due mesi il Partito Democratico ha posto il tema di non aumentare le tasse, che invece nel bilancio di previsione 2019 erano, appunto, previste in aumento. Lo ha fatto in modo energico rispondendo ad atteggiamenti di totale chiusura. Il Bilancio di quest’anno, quindi, non dovrà prevedere aumenti. All’aumento delle entrate, attraverso l’innalzamento della tassazione, il PD ha ritenuto di dover proporre tagli alle spese: la proposta avanzata indica di razionalizzare la spesa per il fabbisogno del Personale. Infatti, in questi ultimi mesi, a fronte di un reclutamento di nuovi dipendenti comunali si è registrato un netto peggioramento della qualità dei servizi erogati ai cittadini. I servizi comunali non possono essere migliorati se non si prevede il necessario potenziamento degli uffici che erogano servizi al cittadino evitando, però, di avere un apparato burocratico fatto di troppi generali: un numero esagerato di uffici di staff; il raddoppio di figure dirigenziali; un numero alto di professionalità reclutate all’esterno con costi altissimi. E’ proprio il costo di queste figure professionali che il PD ha chiesto di tagliare. Per alcuni di questi professionisti esterni il costo supera singolarmente i 100.000 euro annui che, alla luce delle difficolta’ di bilancio che l’esecutivo ci segnala, il comune di Marcianise non può permettersi. E’ il caso di redigere una programmazione seria che individui con chiarezza gli obiettivi reperendo, quindi, le giuste risorse per raggiungerli. Questo il PD ha chiesto negli ultimi mesi: cose ragionevoli e fattibili dettate dal buon senso. Si è voluto drammatizzare uno scontro che in una normale dialettica politica sarebbe stato evitabile. Ieri sera l’esecutivo ha ritirato le delibere sugli aumenti delle tasse e, quindi, sta predisponendo la bozza di bilancio che sarà approvata nella prossima Giunta. Il prossimo Consiglio comunale dovrà decidere se la bozza diventerà il prossimo Bilancio di Previsione. Il Partito Democratico valuterà il contenuto dello schema di Bilancio e deciderà se è aderente alle proposte avanzate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento