Brancaccio avverte il nuovo gruppo: "In Consiglio non possono esistere due partiti socialisti"

Il coordinatore provinciale: "Nessuno è stato messo al corrente di questa scelta, riunione nei prossimi giorni per stabilire la linea da seguire". E sull'ipotesi di una richiesta di spazi è netto: "Non è questo il modo di dare risposte ai cittadini"

Il coordinatore provinciale dei Socialisti Francesco Brancaccio

“Abbiamo appreso della costituzione del nuovo gruppo consiliare dai siti on-line, ma una cosa deve essere chiara: in consiglio comunale non possono esistere due gruppi socialisti”. E’ netto il pensiero del coordinatore provinciale del Psi Caserta Francesco Brancaccio relativamente alla costituzione del gruppo ‘CasertaViva-Psi’ composto da Pasquale Antonucci e Gianluca Iannucci. “E’ davvero singolare che i vertici provinciali, regionali e nazionali non siano stati messi al corrente di questa scelta - aggiunge Brancaccio-. Per questo motivo nei prossimi giorni convocherò una riunione del gruppo consiliare nel quale cercheremo di fare chiarezza su questa situazione che non fa altro che aumentare le divisioni e le difficoltà del centrosinistra”. L’ipotesi, neanche tanto velata, è che questo nuovo gruppo consiliare possa chiedere anche una rappresentanza in giunta (circola il nome dell’avvocato Raffaele Piazza). “I Socialisti oggi hanno due assessori (Emiliano Casale e Dora Esposito, nda) che continueranno il proprio lavoro. Non è certo con le nascite dei mini gruppo dopo ogni elezione che aiutiamo il centrosinistra e l’amministrazione comunale retta da Carlo Marino. Noi dobbiamo dare risposte ai cittadini e certo diventa tutto più complicato che ogni tanto escono mini gruppi che chiedono spazi, perché significa ricominciare tutto da capo".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

  • Muore dopo incidente a scuola, un testimone ha visto Gerardina pochi minuti prima della caduta

Torna su
CasertaNews è in caricamento