Il sindaco stringe sugli assessori: ecco i nomi dei papabili per la giunta

Dal professore universitario all'ex presidente Unicef fino al referente di Libera

Alfonso Golia con accanto Lucio Romano la notte della vittoria al ballottaggio

La proclamazione dei consiglieri comunali eletti in programma giovedì farà partire ufficialmente il count-down per il primo consiglio comunale della nuova amministrazione di Aversa guidata dal sindaco Alfonso Golia.

La seduta si potrebbe tenere entrò la prima decade di luglio ed in quell’occasione l’esponente del Partito democratico dovrà presentare anche la squadra che lo aiuterà a portare avanti il programma presentato agli elettori grazie al quale ha ottenuto una fiducia ampissima rispetto al competitor del ballottaggio Gianluca Golia.

Sui nomi degli assessori, fino ad oggi non è ancora giunta alcuna notizia ufficiale ma qualcosa inizia a trapelare sulla scia di quello che è stato l’input dato dallo stesso Alfonso Golia, relativamente alla scelta della squadra: esterni (al consiglio comunale) e competenti. Per il ruolo di assessore alle Finanze circola il nome di Francesco Pastore, docente di Economia Politica dell’Università Luigi Vanvitelli; all’Urbanistica potrebbe andare Adele D’Angelo, considerata vicina all’ex senatore Lucio Romano; per la Cultura si vocifera di un incarico a Fortunato Allegro, mentre Valerio Taglione di Libera potrebbe diventare il nuovo assessore alla Legalità e Trasparenza.

Un’altra delega pesante, quella ai Lavori pubblici, potrebbe essere conferita a Lucio Pizzorusso, marito di Teresa Gordon, da sempre vicina al consigliere regionale Stefano Graziano, mentre altre due donne potrebbero completare la squadra: l’ex presidente del comitato provinciale Unicef Caserta Emilia Narciso e Liliana Di Giorgio, alle quali potrebbero andare le deleghe alla Pubblica Istruzione ed alle Politiche sociali.

Ancora da dirimere anche la partita per la presidenza del consiglio comunale che vede in lizza Paolo Santulli del Partito democratico e Carmine Palmiero di ‘La Politica che serve’: nelle ultime ore però è stata paventata anche l’ipotesi di Elena Caterino (sempre area Pd).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento