Cangiano: “Europee e Regionali banco di prova per Caserta, in tanti vogliono passare con noi”

L’intervista di CasertaNews al coordinatore regionale di Fratelli d’Italia

Il coordinatore regionale di Fratelli d'Italia Gimmi Cangiano

Gimmi Cangiano, Fratelli d’Italia ha rilanciato il progetto di un partito sul territorio con la nomina di 8 coordinatori di area. Da coordinatore regionale un buon segnale che arriva dalla sua provincia. “Sicuramente è un ottimo segnale, anche perché oggi vedo una grande difficoltà dei partiti a radicarsi sui territori. Noi invece cerchiamo di prendere le cose positive del passato per ridare slancio alla nostra azione politica”. 

Alle Politiche vi aspettavate sicuramente un risultato migliore, anche se il seggio praticamente vi è stato scippato. “Noi siamo convinti che a Caserta spetti il settimo seggio così come dispone il decreto del presidente della Repubblica. Attendiamo che la giunta per le elezioni affronti la vicenda dopo il nostro ricorso”.

Fratelli d’Italia sembrava poter dialogare con l’attuale Governo del cambiamento, ma nelle ultime settimane sembrate ‘più distanti’. “Ci sono delle difficoltà, anche nel rapporto con la Lega. Ad esempio abbiamo presentato una proposta di legge affinché la mafia nigeriana venisse affidata alla Dda alla stregua delle altre organizzazioni criminali presenti sul territorio ma è stata bocciata. Un segnale che ci preoccupa ma che al tempo stesso dimostra che se in Italia esistono ancora valori della destra si trovano solo in Fratelli d’Italia”.

L’occhio politico è ormai gettato verso le Europee del prossimo anno: che ruolo avrà Caserta in Fratelli d’Italia? “Al coordinamento regionale stiamo già lavorando verso la tappa elettorale. La Campania dovrà sicuramente inserire 5-6 nomi nella lista e posso assicurare che Caserta avrà spazio. Nel 2014 abbiamo messo in lista due candidati, vedremo il prossimo anno cosa accadrà. Abbiamo chiesto la disponibilità ai dirigenti del partito per la candidatura, poi decideremo”.

L’ha chiesta anche al coordinatore provinciale Pagano? “Lui è tra i pochi che potrebbero giocarsi una partita per vincere, ma certe scelte vanno fatte con tutto il gruppo dirigete. C’è bisogno di una squadra forte per raggiungere un risultato importante”. 

E’ iniziata a circolare l’ipotesi che la Regione Campania possa tornare al voto in anticipo se Enzo De Luca sarà condannato per la vicenda ‘Crescent’. Ci state pensando? “Certamente, perché è una opzione che è quantomai attuale. A me pare chiaro che il presidente della Regione De Luca abbia perso la bussola e vedo il centrodestra che è destinato a vincere le prossime elezioni regionali. Anche per questo c’è una grande attenzione di tante persone che vorrebbero entrare in Fratelli d’Italia”.

Il rischio in questi casi, però, è di diventare solo un ‘traghetto’ per la Regione e poi restare a mani vuote. “Ma infatti a chi vuole iniziare il percorso con noi potrebbe anche essere chiesto una dimostrazione di adesione, con la possibilità di essere candidato alle Europee prima delle Regionali, se non si votasse contestualmente. Ma saremo molti attenti su questo fattore”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Prima uscita pubblica dei renziani: ecco chi ci sarà a Caserta

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

Torna su
CasertaNews è in caricamento