Due donne rischiano di lasciare il posto da assessore

Il sindaco rientra dalle ferie e dovrà affrontare la delicata questione della giunta dopo il ‘tira&molla’ di Natale con Piazza

Dora Esposito e Mirella Corvino

Rientrato a Caserta dopo qualche giorno lontano dal trambusto politico, il sindaco Carlo Marino dovrà iniziare ad affrontare il nodo del ‘patto di fine consiliatura’ che gli è stato chiesto da più parti della sua stessa maggioranza dopo le difficoltà incontrate negli ultimi consigli comunali del 2018. E tra gli argomenti da affrontare ci sarà sicuramente anche la rimodulazione della giunta.

Il Natale è trascorso col clamoroso ‘tira&molla’ con Raffaele Piazza che doveva diventare assessore il 24 dicembre, indicato dai consiglieri comunali Gianluca Iannucci e Pasquale Antonucci, ma che invece si è ritrovato col cerino in mano. Una scelta, quella del sindaco, che ancora non trova una giustificazione politica (e che forse non la troverà…) ma che non ha chiuso il discorso sulla giunta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche perché dopo l’ultimo step dell’approvazione (la seconda…) in consiglio comunale del bilancio stabilmente riequilibrato qualcosa dovrà cambiare nella squadra del sindaco. Ed a rischiare sono soprattutto le due donne, Dora Esposito e Mirella Corvino. Potrebbero essere loro a fare spazio ad altri nomi per poter chiudere un accordo che, ad oggi, sembra necessario per evitare brutte figure, come quelle in Consiglio prima di Natale, dove la maggioranza (che ufficialmente potrebbe contare su più di 20 consiglieri) si è ritrovata aggrappata alla presenza in aula del sindaco… 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento