ELEZIONI Fughe in avanti e simboli fake della Lega, il partito di Salvini 'blocca tutto'

Il coordinatore provinciale: "Non ridaremo la verginità a psudopolitici..."

Il coordinatore della Lega Salvatore Mastroianni

“Su Castel Volturno la Lega sarà draconiana nella selezione della governance territoriale, senza cedere neppure di un millimetro rispetto ai requisiti che in base ai nostri criteri selettivi pretendiamo debba possedere un dirigente del nostro partito”. Lo afferma in una nota il coordinatore provinciale della Lega Salvatore Mastroianni. Parole non di routine considerando che Castel Volturno si avvia ad una tornata elettorale molto calda nel prossimo mese di maggio e dove oggi non c’è ancora un commissario cittadino del partito di Matteo Salvini. Un comune, oltretutto, anche molto “delicato” considerando la massiccia presenza di extracomunitari.

“Purtroppo - aggiunge - dobbiamo constatare che, anche negli ultimi giorni, una serie di personaggi il cui profilo politico è incompatibile con la nostra griglia di valori, si agitano non poco per saltare sul nostro carro, ben consci del grande consenso che connota la Lega di oggi e che, evidentemente, vorrebbero piegare a loro uso e consumo. Ancora peggio chi pensa di fare sterili quanto inutili fughe in avanti coniando loghi che lasciano senza parole (è circolato infatti un simbolo molto simile a quello della Lega di Matteo Salvini, ma che è inevitabilmente un fake). Ci viene spontaneo consigliare a costoro di risparmiarsi la fatica, poichè a nessuno sarà consentito di consumare scelte opportunistiche che andrebbero fatalmente ad impattare su quel patrimonio di credibilità che il nostro leader nazionale, Matteo Salvini, ha faticosamente costruito e che non intendiamo svendere per nessun motivo. Non siamo interessati a ridare nuova verginità ad un personale pseudopolitico che si è, nel corso degli anni, illustrato da solo. La nostra volontà è quella di sagomare un partito che abbia nella trasparenza dei propri militanti e dirigenti un punto di forza da spendere con successo sul terreno del confronto politico per il bene del territorio di Castel Voltuno. Se non fosse ancora chiaro, per noi è il tempo delle persone perbene e specchiate, immuni da condizionamenti e collegamenti di dubbio gusto o di saltimbanchi politici. Vale ovunque e, a maggior ragione, per piazze oggettivamente difficili come quella di Castel Volturno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Reddito di cittadinanza, sospiro di sollievo per 100mila beneficiari

  • Bollo, sconto del 10% anche a Caserta: ecco come averlo

  • Non supera il test di Medicina, il giudice ordina all’Università di farle ripetere la prova

  • Svolta dopo l'esplosione nella palazzina: sequestrato l'intero impianto di serbatoi Gpl

Torna su
CasertaNews è in caricamento