ELEZIONI Sglavo blinda Dell'Aprovitola: "E' lei la nostra candidata"

L'esponente Pd spegne le voci su una sua discesa in campo

Angelo Sglavo

“Non ho mai pensato di correre per la carica di sindaco di Carinaro per il semplice motivo che la candidatura spetta naturalmente ad Annamaria Dell’Aprovitola che, all’unanimità, è stata investita del ruolo di leader dall’intero gruppo che la sostiene”. Così Angelo Sglavo spegne le notizie che circolano su di lui relativamente ad una ipotesi abbastanza clamorosa di una candidatura al posto dell’ex sindaco. “A lei solo -spiega Sglavo - compete il compito di sottoporsi al giudizio dell’elettorato per riaffermare la validità del progetto buon governo cittadino portato avanti negli ultimi cinque anni e che solo una manovra di palazzo ha interrotto per altri interessi che nulla hanno a che fare con la politica. Un percorso che va ripreso e proseguito nella prossima consiliatura nell’esclusivo interesse della comunità di Carinaro e dei suoi cittadini che chiedono un’Amministrazione che sappia rispondere ai loro bisogni, come avvenuto durante il buon governo di Annamaria Dell’Aprovitola e della sua maggioranza uscente. Siamo tutti impegnati al suo fianco perché tutti crediamo che sia la persona giusta per guidare il nostro paese, e perché riteniamo che il programma della sua lista risponda adeguatamente alle esigenze della gente e alla vocazione del territorio. E non saranno certo candidature estemporanee, avanzate con l’unico velleitario scopo di disgregarci, a fermare il nostro progetto né a mettere in discussione la figura di Annamaria Dell’Aprovitola, dalla quale non si potrebbe in alcun modo prescindere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpreso a cacciare nell'impianto idrovoro, sequestrato fucile con 3 colpi in canna

  • Pandora falsi venduti nel Tarì, scoperto il deposito: sequestrati 2860 gioielli

  • Violento incendio in 3 depositi: fiamme altissime, la nube invade le case | FOTO

  • Rissa tra clan opposti al ristorante: "Gli ho spaccato la testa. Il fratello voleva uccidermi"

  • “Io nel clan a 13 anni. In carcere ho incontrato un indagato per l'omicidio dei miei genitori”

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento