ELEZIONI Diana 'fa fuori' tre candidati per il codice etico

La coalizione del candidato sindaco ha stilato il regolamento che disciplina la formulazione delle liste

Cesare Diana

Un codice etico che verrà seguito nella formulazione delle liste dei candidati da presentare alle prossime elezioni. È il documento adottato dalla coalizione del candidato sindaco di Castel Volturno Cesare Diana nella serata di ieri dopo una riunione tra i movimenti che appoggiano il consigliere comunale uscente.

In base al codice, per diverse ragioni e motivazioni, non potranno trovare posto nelle liste della coalizione gli ex consiglieri come Alfonso Iovine, Carmine Brancaccio (anche perché è già candidato Raffaele Brancaccio), Pasquale Marrandino (troppa e continua la vicinanza all’amministrazione Russo, anche se mai candidato).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La regola che si vuole seguire – spiega Diana - è quella della definitiva rottura col passato, all’insegna della trasparenza e dell’innovazione politica. L’obiettivo è vincere per bene amministrare, e non vincere a tutti i costi, per ridare normalità, serenità e certezza del futuro a Castel Volturno, con una amministrazione competente, trasparente ed onesta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento