La crisi del centrosinistra di Velardi, Terra di Idee lancia un appello al Pd

"Verifichiamo se sussistono ancora le condizioni per andare avanti insieme"

Alessandro Tartaglione, leader di Terra di Idee

Arriva dal movimento Terra di Idee guidato dall’ex assessore Alessandro Tartaglione un appello al Partito democratico per cercare di ricompattare la coalizione dopo la batosta elettorale del centrosinistra alle ultime elezioni politiche. “All’indomani del voto politico del 4 marzo scorso, si è aperta tra le forze politiche di centrosinistra una discussione che prende le mosse dal risultato elettorale di Marcianise - si legge nel documento-. Risultato che appare ben più pesante per quanto riguarda le forze progressiste che quasi due anni fa misero insieme, con entusiasmo, un progetto politico di cambiamento per Marcianise e che furono premiate dalla cittadinanza”.

Ma oggi la situazione è diversa ed anche la discesa in campo in prima persona del sindaco Antonello Velardi per sostenere la candidatura della sua vice sindaca Angela Letizia non ha portato i risultati sperati. Anzi, è proprio a Marcianise che il Pd ha toccato il fondo, scendendo sotto il 9%. “Oggi finalmente - sostengono da Terra di Idee - anche il Partito Democratico di Marcianise, riconosce pubblicamente che c’è un problema di “metodo” nella interpretazione della gestione amministrativa comunale. Un anno fa eravamo la sola forza politica di maggioranza che chiedeva “l’attivazione di luoghi di discussione e di partecipazione, mai attivati, in cui i gruppi politici della coalizione di governo cittadino potessero legittimamente confrontarsi assieme all’amministrazione comunale”. La nostra critica alla gestione autocratica e solitaria della attività amministrativa, seppur manifestata all’interno del ristretto perimetro dell’ambito interno alla coalizione, ci è costata molto cara. Nel silenzio generale delle altre forze di centrosinistra, Terra di Idee fu costretta a subire una alchimia di palazzo, artatamente e diabolicamente congegnata, che ci privò della nostra rappresentanza nella giunta comunale e che si concretizzò nell’esautoramento dell’assessore Paolella. A lei non smetteremo mai di far arrivare forte il nostro plauso per aver lavorato con senso civico ed abnegazione oltre che aver correttamente trasmesso le nostre idee ed i nostri progetti, che tanto entusiasmo ed approvazione ebbero durante la campagna elettorale, all’interno dell’azione dell’esecutivo comunale. Idee e progetti che si sono poi concretizzati, fin quando ci è stata data possibilità, in azione amministrativa nei settori della salvaguardia ambientale, delle politiche sociali a favore dei soggetti più deboli e per la vivibilità cittadina”.

E conclude: “Per evitare di aggiungere errori ad errori riteniamo che le forze politiche che determinarono la vittoria del centrosinistra compiano uno sforzo nel tentativo di mettere insieme lo spirito e l’entusiasmo che mosse ognuno di noi ad abbracciare il progetto di cambiamento della città. Chiediamo al Pd cittadino, partito di maggioranza relativa e naturale forza cardine del centrosinistra, di intraprendere subito un’azione di coordinamento per riportare la coalizione nell’alveo naturale del centrosinistra nei modi, nelle forme democratiche e partecipative ed anche nel linguaggio. Stabilire le priorità di intervento, a partire da quelle sociali, e verificare se sussistano ancora le condizioni per andare avanti insieme”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento