Renzi via dal Pd, Nicola Caputo "incazzato" potrebbe seguirlo

L'ex europarlamentare: "Tutti gli chiedono di restare, ma lo hanno attaccato per mesi"

Nicola Caputo e Matteo Renzi

Lo strappo di Matteo Renzi ed il suo addio al Partito democratico potrebbe avere ripercussioni importanti anche in provincia di Caserta, dove il partito sta vivendo un (nuovo) momento delicatissimo, con il segretario provinciale eletto un anno fa già dimissionario (mercoledì è in programma la riunione che dovrà decidere il suo futuro).

Ma che ci possa essere una scissione anche nel gruppo casertano è una riflessione in atto, che prende corpo leggendo il post che questa mattina ha pubblicato l'ex europarlamentare Nicola Caputo. Che si è definito "molto incazzato" per quanto sta accadendo nel Partito democratico, dove "tutti chiedevano a Matteo Renzi e Carlo Calenda di non uscire dal Pd, però hanno attaccato per mesi entrambi". Per Caputo c'è "un problema serio, di visione e di rispetto, nel Partito democratico". "Insomma è un bel problema" chiosa, lasciando intendere che a breve qualche novità potrebbe arrivare.

Del resto, Caputo nel 2018 fu candidato nel collegio del Senato proprio su richiesta di Matteo Renzi ed all'ex premier è legato anche Vincenzo De Luca, il governatore che il prossimo anno dovrà giocarsi la partita per la conferma in Regione Campania. Le strade, sue e di Renzi, potrebbero riunirsi a breve. Anche per evitare "accordi bislacchi" col Movimento 5 Stelle che De Luca difficilmente accetterebbe.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • 11 ARRESTI Spaccio di coca col 'permesso' dei Casalesi, sgominate le bande

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento