ELEZIONI Oliva non cede, il Pd "farà solo il tifo" contro Petrella

Non basta l’offerta di un assessorato a Scialla che chiedeva l’apparentamento ufficiale

Luigi Petrella e Nicola Oliva

Un incontro fiume non è bastato a convincere Nicola Oliva, così come l’ultimo appello lanciato in mattinata tramite i social network da Peppe Scialla: l’apparentamento ufficiale tra le due anime del centrosinistra a Castel Volturno non c’è stato. Alle ore 12 è scaduto il termine per la presentazione del documento ufficiale ed il centrosinistra, dunque, resta diviso, almeno sulla carta. L’appoggio, probabilmente, ci sarà ma sarà molto soft. O, per dirla utilizzando le parole del candidato sindaco del Pd sconfitto al primo turno Peppe Scialla: “Resteremo a fare il tifo per lui”. 

L’ULTIMA OFFERTA: SCIALLA ASSESSORE

Già perché Nicola Oliva e la sua coalizione non ha accettato di sottoscrivere il documento ufficiale che avrebbe compresso i posti in consiglio comunale per le sue liste. Per questo motivo, nel corso dell’ultimo incontro di sabato sera, aveva offerto un posto in giunta a Peppe Scialla in cambio dell’appoggio al ballottaggio. Offerta rifiutata e rispedita al mittente. Il centrosinistra, dunque, resta diviso e questa è sicuramente una buona notizia per il candidato di Fratelli d’Italia Luigi Petrella che al primo turno ha chiuso al 40% delle preferenze e che lunedì attende l’arrivo di Giorgia Meloni. Anche per Petrella, come era facile attendersi, nessun apparentamento ufficiale. 

LE CERTEZZE DEL CONSIGLIO

Ad oggi risultano già eletti 2 consiglieri per Fratelli d’Italia (Pasquale Marrandino, Francesca Luongo), uno per Forza Italia (Antonio Luise), 100 volti x la svolta (Anastasia Petrella), oltre ai candidati sindaci esclusi dal ballottaggio Peppe Scialla (Pd), Guido Schiavulli (Movimento 5 Stelle) ed allo sconfitto del ballottaggio.

SE VINCE LUIGI PETRELLA

In caso di vittoria del centrodestra con Luigi Petrella, entrerebbero altri 2 per Fratelli d’Italia (Flavio Iovene, Sara Veronica Sperlongano), per Forza Italia (Rocco Ambrosone, Giulio Natale), Lega (Giuseppe Daria, Cristina D’Aulisio) ed uno per Rinascita Litorale Domitio (Vincenzo Riccardo). Inoltre conquisterebbe un posto in consiglio comunale all’opposizione anche il candidato sindaco sconfitto di Siamo Castel Volturno Gerardo Parente insieme a Rosa Raimondo del Pd.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SE VINCE NICOLA OLIVA

In caso di vittoria del centrosinistra (senza apparentamento ufficiale), Oliva porterebbe con sé altri 5 eletti di 100 volti x la svolta (Salvatore Marcello, Stefania Sangermano, Paolo Luongo, Francesco Panaro, Giuseppe Bianchi) e 4 della lista Uniti per te (Francesco Fascia, Gabriella Marino, Marianna Esposito, Giuseppe D’Angelo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Salvini torna a Mondragone e stavolta trova sorrisi, mozzarelle e dolci: "Cacciare bulgari fuorilegge" | FOTO

  • La moglie di Enzo morto per Covid a 41 anni: “A 3 mesi io ed i miei figli ancora senza tamponi”

Torna su
CasertaNews è in caricamento