CAOS PD La Sgambato chiede l’azzeramento dei vertici Dem regionali e nazionali

Impietosa l’analisi sulla sconfitta elettorale della parlamentare uscente

La deputata uscente Camilla Sgambato nell'assemblea a palazzo San Carlo

Tanti simpatizzanti e iscritti, numerosi amministratori comunali e segretari di circolo dei comuni di Terra di Lavoro, anche molte persone non organiche al Pd, ma comunque da sempre vicine alle posizioni di Camilla Sgambato: hanno risposto davvero in tantissimi ieri sera all'invito a partecipare all'assemblea Dems tenutasi in un affollato salone di palazzo San Carlo di Santa Maria Capua Vetere, alla presenza anche dei componenti dell’assemblea nazionale del Pd in rappresentanza dell’area Orlando, Anna Fucile e Angelo Sglavo.

Al centro dell'incontro l'analisi della pesante sconfitta del Pd alle elezioni politiche di domenica scorsa, un tema che ha sortito approfondite riflessioni nei tanti interventi che si sono succeduti durante la serata, tutti critici verso gli errori commessi, soprattutto di arroganza e supponenza dei dirigenti del partito sino ad oggi, tanto a livello provinciale che regionale e nazionale.

Da quasi tutti gli interventi, dopo la disamina delle cause del fallimento politico consegnato dalle urne di domenica scorsa, è arrivata la richiesta forte e chiara di riprendere un cammino autenticamente democratico ed improntato al rispetto, all'ascolto, al dialogo con la base del Pd, puntando tutto su politiche di uguaglianza e solidarietà, che marchino una forte distanza dalle politiche del centrodestra e dei grillini, nelle loro idee populiste e demagogiche.

"Dobbiamo ripartire proprio da loro che rappresentano un esempio eclatante del fallimento del nostro progetto politico, riconquistando la loro fiducia prima ancora del loro voto", sono state le parole della deputata uscente del Pd che ha introdotto i lavori e poi tirato le somme della discussione, da cui è emersa, all'unanimità, l'adesione alla piattaforma, in termini di proposte ed idee per il futuro, risultante dal dibattito.

"Abbiamo la necessità di tornare ad essere Partito Democratico e a parlare alla gente e all'elettorato di centrosinistra. Per farlo, però, come venuto fuori dalla partecipata riunione della nostra area Orlando, bisogna prima azzerare l'intera dirigenza regionale e nazionale e regionale, che ci hanno portato fino a questo punto di non ritorno, e poi non dare appoggi ad eventuali governi del M5S o delle destre.

Solo dopo potremo riprendere il nostro cammino tra i cittadini e tornare ad essere interpreti delle esigenze di quanti sono in difficoltà ed hanno bisogno di avere voce", conclude Sgambato, componente della direzione nazionale del Pd.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento