Cambio al vertice Centro Documentale: al colonnello Asciore subentra Di Giacomo

Napoli - Ieri 16 ottobre 2009 con inizio alle ore 10.00, nella Caserma "Carmine Calò", alla presenza del Generale di Brigata Luigi Roberto Epifanio e delle autorità, si è svolta la cerimonia di cambio del Capo Centro Documentale di Napoli. Al...

20091017103953_Cedoc

Ieri 16 ottobre 2009 con inizio alle ore 10.00, nella Caserma "Carmine Calò", alla presenza del Generale di Brigata Luigi Roberto Epifanio e delle autorità, si è svolta la cerimonia di cambio del Capo Centro Documentale di Napoli.
Al colonnello Armando Asciore è subentrato il colonnello Alessandro Di Giacomo, proveniente dalla Brigata Bersaglieri "Garibaldi" di Caserta.
Autorità rassegnatrice è stata il Generale di Brigata Luigi Roberto Epifanio, vertice del Comando Militare Esercito "Campania".
Il Centro Documentale nasce a seguito della riconfigurazione del Distretto Militare di Napoli avvenuta nel 2007.
Dopo 137 anni di vita del Distretto Militare si rese, infatti, necessaria la sua riconfigurazione organizzativa che rientrava nei Provvedimenti di riorganizzazione di enti e comandi delle Forze Armate, contenuti nel Decreto del Ministro del 28 dicembre 2006.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Il provvedimento è nato a seguito del mutato scenario geopolitico-strategico che, con la sospensione della leva, ha portato ad una radicale trasformazione mediante la rapida "costruzione" di uno strumento militare, esclusivamente "Professionale", di dimensioni ridotte con un elevato livello qualitativo, e con maggiori capacità di proiezione, superiore flessibilità nell'impiego e accresciuta sostenibilità logistica, integrato ed interoperabile sia a livello interforze che multinazionale.
In sintesi il Centro Documentale, come avveniva per il Distretto Militare, continuerà ad essere una risorsa del paese a servizio del cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Nervi tesissimi tra cancellieri ed avvocati. La Camera Penale: "Accuse false contro la nostra categoria"

Torna su
CasertaNews è in caricamento