BAssolino: 'Il Pd va costruito per i giovani e il sud'

Napoli - "Il Partito democratico deve essere costruito per i giovani e per dare una risposta al Mezzogiorno". Così il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino intervenendo al camping dei giovani per il Pd con Veltroni, organizzato dai...

"Il Partito democratico deve essere costruito per i giovani e per dare una risposta al Mezzogiorno". Così il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino intervenendo al camping dei giovani per il Pd con Veltroni, organizzato dai ragazzi della Sinistra Giovanile a Vico Equense (Napoli). Nel primo incontro con gli esponenti del nuovo partito, i giovani dei Ds lanciano una proposta: "Le liste che si presentano alle primarie nei singoli territori - spiega Nicola Corrado, assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Castellammare di Stabia - devono indicare uno slogan e dichiarare il loro diretto contrasto ai clan, chiamandoli per nome. Così, nel collegio stabiese tutte le liste porterebbero l'indicazione di essere contro i D'Alessandro, i Cesarano, gli Imparato, gli Omobono-Scarpa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Nel suo intervento Bassolino replica che il Pd "deve essere anche contro: contro la camorra, contro l'illegalità, contro le disuguaglianze e contro i tentativi di non far contare i cittadini". Il presidente della Regione Campania ricorda l'esperienza del campeggio del 1992: "Tempi di battaglie importanti contro la camorra, come il corteo di Ottaviano e la sfida sotto il castello in cui viveva ancora la sorella di Cutolo o come le manifestazioni nella sezione del Pci a Casal di Principe contro il boss Sandokan".
Rivolgendosi alla platea di giovani Bassolino sottolinea che la loro è la generazione figlia di quelle battaglie: "Non tocca a me dirvi come costruire la vostra esperienza nel Pd, tocca a voi costruirla nel nome della libertà e della democrazia e rafforzando una peculiarità meridionale contro la criminalità organizzata". "All'epoca, quando ero giovane, la mia spinta fu di contrastare i caporali che andavano a tastare i muscoli dei braccianti prima di sceglierli per un lavoro. Voi avete il compito di non avere nostalgie sbagliate ma la passione contro le disuguaglianze", dice ancora Bassolino. "Lo Svimez - conclude il presidente della Regione - ci dice che il 40 per cento dei laureati del Sud emigra al nord. Questo è un grande tema per il partito democratico che porta con sé il tema della qualità dello sviluppo". Ad introdurre l'intervento del presidente Bassolino il segretario regionale della Sinistra Giovanile Michele Grimaldi secondo il quale il Pd deve essere luogo l'impegno in cui lavorare per cambiare la società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento