Rrimpasto di giunta e conferimento deleghe assessori

Alife - Completato il rimpasto di metà consiliatura in seno alla Giunta comunale. Il sindaco Roberto Vitelli, nei giorni scorsi, in linea con gli accordi interni al gruppo di maggioranza, ha proceduto alla nomina, in sostituzione dei dimissionari...

Completato il rimpasto di metà consiliatura in seno alla Giunta comunale. Il sindaco Roberto Vitelli, nei giorni scorsi, in linea con gli accordi interni al gruppo di maggioranza, ha proceduto alla nomina, in sostituzione dei dimissionari Giuseppe Di Matteo e Angelo Ferrazzano, dei nuovi assessori Antonio Amato e Silvio Visone. Di Matteo era stato confermato nel suo incarico assessorile nel corso della prima fase del rimpasto dell’esecutivo comunale ma, in seguito per motivi personali, aveva deciso di rassegnare l’incarico nelle mani del sindaco, mentre Ferrazzano, nominato proprio a seguito della rivisitazione delle deleghe in seno alla maggioranza che amministra dal 2004 il comune di Alife, aveva rassegnato le dimissioni dopo essere stato eletto vice presidente della Giunta esecutiva della Comunità Montana del Matese. Il sindaco ha, quindi, deciso di nominare i due nuovi assessori designando i consiglieri Amato e Visone, già membri della Giunta comunale durante la prima metà della consiliatura ed ora tornati nell’esecutivo comunale, dopo che l’ex vice sindaco Pietro Sasso ha optato per la nomina a delegato del comune, in quota maggioranza, in seno al Consiglio generale della Comunità Montana del Matese. Attualmente la Giunta comunale presieduta dal sindaco Vitelli risulta composta dal vice Lucantonio Guarnieri e dagli assessori Antonio Amato, Silvio Visone, Raffaele Rao, Sisto Angelillo e Alessandro Parisi, con gli ultimi tre nominati nelle scorse settimane. Contestualmente alla nomina dei nuovi assessori, il capo dell’amministrazione comunale ha provveduto anche al conferimento delle deleghe: al vice sindaco Guarnieri vanno, oltre alle Attività Produttive e Sviluppo zona Asi già detenute in precedenza, anche quelle relative al Bilancio-Tributi e Programmazione economica; all’assessore Antonio Amato le deleghe alla Pubblica Istruzione e all’Edilizia Scolastica; all’assessore Silvio Visone le deleghe già gestite in precedenza relative a Servizi Cimiteriali, Ambiente, Ecologia e Rifiuti; all’assessore Rao le deleghe all’Edilizia Pubblica e Privata, Urbanistica, Politiche Sociali e Servizi Legge 328/2000, Sport, Spettacolo e Tempo libero; all’assessore Angelillo i Lavori Pubblici, Pianificazione e Sviluppo dell’Agricoltura e Rapporti con Consorzio di Bonifica; infine, all’assessore Parisi le funzioni relative al Patrimonio Storico e Archeologico, Cultura, Arte e Turismo, Interventi programmati con il PIT Monti Trebulani-Matese. Le funzioni di capogruppo di maggioranza in Consiglio comunale saranno svolte sempre da Angelo Ferrazzano. Soddisfatto per le nuove nomine e per il conferimento delle deleghe agli assessori il sindaco Roberto Vitelli atteso “che d’ora in poi, una volta completato il rimpasto di metà consiliatura, si apre la fase due dell’amministrazione comunale che potrà contare su una maggioranza unita e compatta che vede tutti i consiglieri partecipare attivamente alla gestione dell’Ente e al governo della città. Da oggi e fino alla scadenza naturale del nostro mandato dovremo lavorare alla realizzazione della parte finale del nostro programma elettorale.amministrativo che, in gran parte, abbiamo già attuato in questi primi tre anni di governo cittadino, con numerosi obiettivi raggiunti e molti progetti realizzati a beneficio della città di Alife.”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento