Sul Blog di Bassolino 'L'agenda e le priorita''

Caserta - "La due giorni di Caserta, al di là della discussione sui tempi e sulle modalità operative degli interventi di riforma del Paese, ha avuto il merito di rendere evidente un primo ma importante risultato: il cambiamento dell'agenda del...

"La due giorni di Caserta, al di là della discussione sui tempi e sulle modalità operative degli interventi di riforma del Paese, ha avuto il merito di rendere evidente un primo ma importante risultato: il cambiamento dell'agenda del Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Chiuse le polemiche sui risultati elettorali, il dibattito politico e l'attenzione dei media si sono progressivamente concentrati sulle questioni più rilevanti per il rinnovamento della nostra società, dell'economia, della politica. La domanda cruciale è come deve cambiare l'Italia. Dopo anni in cui le tensioni tra gli interessi di pochi e l'attività di governo tenevano banco e minavano continuamente la credibilità della politica, oggi, seppure con difficoltà, ci si confronta, si lavora e ci si divide su temi come la crescita, l'innovazione, l'equità sociale, l'efficienza delle istituzioni. E, soprattutto, il Mezzogiorno, che torna in modo evidente tra le priorità condivise da tutte le componenti della maggioranza, come dimostra la scelta di puntare sul Quadro Strategico Nazionale per il periodo 2007-2013 per pianificare il rilancio delle regioni meridionali e dell'intero Paese. Certo, la pluralità di voci che compone la maggioranza di centrosinistra può rallentare l'azione riformatrice. Ma le sfide con cui ci misuriamo sono quelle più degne e più importanti per gli italiani e - anche grazie all'agenda concordata a Caserta - il percorso per riavviare l'Italia ora è più chiaro, a cominciare dall'anno in corso. Sulle dieci priorità individuate a Caserta possiamo lavorare da subito, con la collaborazione di tutti, per tornare a crescere e, soprattutto, per coinvolgere in questa mobilitazione le migliori energie della società, delle istituzioni e del mondo del lavoro.
La cartina di tornasole per tutto questo - ed anche per le 10 priorità - dev'essere la capacità di valorizzare i nostri giovani nello sforzo di rilancio del Paese. Lo dico tenendo ben presente il disagio di chi - come tanti giovani e tanti lettori di questo blog - non vuole sentir parlare troppo di futuro ma invoca con passione scelte coraggiose per il presente, cambiamenti tangibili e segnali concreti che sappiano ridare fiducia e slancio all'impegno di ognuno. Solo così, del resto, si costruisce insieme il futuro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna trovata morta nel letto di casa: aveva 40 anni

  • Bimbo morto, i genitori di Diego rompono il silenzio dopo 5 giorni

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio dei contagi: nuovi casi ad Aversa e Castel Volturno

  • Coronavirus, slitta il picco in Campania. "Contagi al massimo tra fine aprile ed inizio maggio"

Torna su
CasertaNews è in caricamento