Pascariello su installazioni telecamere per sicurezza

San Nicola la Strada - La domanda di sicurezza è anche richiesta di miglioramento degli standard qualitativi dell’esistenza, nei singoli è sempre crescente la preoccupazione di rimanere vittime di azioni delittuose, per questo i fatti di inciviltà...

La domanda di sicurezza è anche richiesta di miglioramento degli standard qualitativi dell’esistenza, nei singoli è sempre crescente la preoccupazione di rimanere vittime di azioni delittuose, per questo i fatti di inciviltà e di criminalità devono trovare un quadro unitario di valutazione. Una conferma dell’importanza di questi temi viene dalle più recenti ricerche sulla sicurezza che evidenziano un diffuso senso di paura degli italiani dovuta principalmente alla criminalità predatoria, ossia alla criminalità che colpisce direttamente la persona (scippi, rapine…) e la propria privacy (furti in appartamento…) ed i flussi di immigrazione. Il sindaco Angelo Pascariello e l’assessore al Corso Pubblico Domenico Palumbo, nel costatare che anche la Città di San Nicola la Strada è interessata a sempre più frequenti manifestazioni di microcriminalità, soprattutto il centro abitato ed in particolare le zone ove sono ubicate istituti scolastici, importati uffici della locale Asl, la Protezione Civile ed il Comando di Polizia Municipale, nonché le zone delle ville comunali, comunicano che è intenzione della Amministrazione Comunale partecipare al bando regionale che prevede l’assegnazione di contributi agli enti locali per la realizzazione di progetti integrati di sicurezza urbana. Il progetto predisposto dal dott. Loris Nardone, di San Giorgio del Sannio, da presentare alla Regione Campania prevede il posizionamento di due telecamere, da aggiungersi alle nove già in funzione che permettono di coprire quasi l’intero territorio comunale, il collegamento di tutte le telecamere con la Stazione dei Carabinieri, oltre che con il Comando di Polizia Municipale. Il progetto prevede, inoltre, un corso di formazione e certificazione professionale operante nel settore informatico e linguistico, in virtù delle problematiche di “Sicurezza Urbana”, che offre la possibilità di poter raggiungere particolari obiettivi come il coinvolgimento dei partecipanti in un momento di unione, sociale e culturale, che è il fulcro del vivere civile, si prevedono, infatti, lavori di gruppo che vedono la tecnologia quale elemento di aggregazione. E’ prevista l’erogazione del programma didattico, da parte dell’Istituto EinSteinweb, ad un gruppo di 40 partecipanti, il corso avrà una durata di tre mesi, con frequenza bisettimanale, per un totale di 70 ore. Il progetto per la realizzazione del sistema di Sicurezza Urbana integrato prevede anche l’attuazione del “Chiama Facile”, un servizio rivolto soprattutto agli anziani i quali schiacciando un semplice pulsante mettono in moto un SOS, in funzione 24 ore su 24, con un operatore nella sala operativa che agisce secondo la chiamata. Schiacciando una sola volta il pulsante, infatti, si attiverà un colloquio con l’operatore, due volte si allerterà il sistema di pronto soccorso, schiacciando tre volte il pulsante si avrà la possibilità di conversare con un medico o con un proprio familiare. Il “Chiama Facile” ha riscosso un ottimo impatto sociale dove è stato già attuato, in caso di finanziamento del progetto da parte della Regione Campania, la Città di San Nicola la Strada sarà il primo comune ad avere questo tipo di servizio a disposizione dei cittadini anziani. La previsione di spesa per la realizzazione dell’intero progetto è di ¬ 100.000 da suddividere al 50% tra il Comune e la Regione Campania, richiedendo il contributo come previsto dal bando pubblicato sul B.U.R.C. n. 57 del 11 dicembre 2006.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento